News da viterbonews24.it

Abbonamento a feed News da viterbonews24.it News da viterbonews24.it
Quotidiano online di Viterbo
Aggiornato: 2 ore 22 min fa

La Viterbese incassa quattro goal

Mar, 20/11/2018 - 22:29
2018-11-20

CASTELLAMMARE DI STABIA - (fc) La Viterbese è rinata, sarà la cura di Stefano Sottili, ma gioca un primo tempo in cui fa soffrire e non poco i padroni di casa della Juve Stabia. Della partita con la Casertana mancano Bovo e Svidercoschi sostituiti da Cenciarelli e Roberti. Gli uomini di Fabio Caserta, che schiera il 4-3-3, non creano mai problemi a Francesco Forte fino a un minuto dal duplice fischio dell'arbitro Matteo Gariglio.

E' proprio il direttore di gara di Pinerolo a decidere il match al 44' con la complicità dell'assistente. De Vito, in area, prende il pallone che sfugge a Daniele Paponi. L'attaccante delle vespe, di seguito, si lascia cadere e si prende un folle rigore. Dal dischetto, l'ex Parma, non sbaglia e beffa la Viterbese che, dopo aver dominato il primo tempo, si trova immeritatamente in svantaggio. Consapevoli del torto subito, gli uomini del tecnico toscano, tornano in campo con la stessa mentalità dei primi 45 minuti.

E gli basta una manciata di minuti per impensierire ancora Paolo Branduani. Simone Sini, su punizione, colpisce il palo proprio come fu con la Casertana. Eppure la Juve Stabia è più concreta. Infatti al 64' il solito Daniele Paponi scatta sulla fascia e con un tiro potente tira il pallone sulla traversa che rimbalza e finisce alle spalle di Francesco Forte. Da quel momento è più Juve Stabia che Viterbese. I padroni di casa prendono in mano la situazione e, al 77', coglie l'occasione: Michele Rinaldi perde un pallone recuperato da Alessandro Mastalli e messo in mezzo per Luigi Viola che non sbaglia.

La prestazione di Sini e compagni è buona, ma il risultato è pesante. Eccessivamente pesante. Tanto da regalare alla tifoseria di casa la possibilità di prendersi gioco degli avversari. Tanto che allo scadere arriva anche il quarto goal firmato da Calò. E fa male per il morale.

Se la strada sembrava quella giusta è palese che resta ancora moltissimo da lavorare. Si torna nella città dei Papi, dopo cinque partite, con un solo punto conquistato grazie al pareggio con la Casertana. Reparto offensivo molle e poca concretezza.

Categorie: RSS Tuscia

IL LIVE, Juve Stabia - Viterbese

Mar, 20/11/2018 - 22:29
2018-11-20

CASTELLAMMARE DI STABIA - La Viterbese di Stefano Sottili sbarca al Romeo Menti di Castellammare. La Juve Stabia non ha mai perso in campionato e ai gialloblù, con un solo punto in classifica, manca proprio la vittoria. 

Juve Stabia - Viterbese 4-0

JUVE STABIA (4-3-3): Branduani, Vitiello, Troest, Allievi, Akatou, Calò, Vicente, Carlini, Di Roberto, Elia, Paponi. A disposizione: Venditti, Schiavi, Ferrazzo, Stallone, El Ouazni, Castellano, Viola, Dumancic, Sinani, Mastalli, Lionetti, Mezavilla. Allenatore: Caserta.

VITERBESE (4-3-1-2): Forte, De Giorgi, Rinaldi, Sini, De Vito, Cenciarelli, Palermo, Damiani, Baldassin, Roberti, Saraniti. A disposizione: Schaeper, Atanasov, Perri, Bismark, Bovo, Vandeputte, Milillo, Messina, Polidori, Pacilli, Otranto, Molinaro. Allenatore: Sottili.

ARBITRO: Gariglio di Pinerolo (Pappagallo e Abruzzese)

Marcatori: 44' rig. Paponi (JS), 62' Paponi (JS), 77' Viola (JS), 88' Calò(JS)

Categorie: RSS Tuscia

Civita Castellana, mozione sull'alta velocità

Mar, 20/11/2018 - 19:25
2018-11-20

CIVITA CASTELLANA - Anche a Civita Castellana, Fratelli d’Italia appoggia l’ipotesi dell’Alta Velocità a Orte.

In vista del consiglio comunale di martedì 27 novembre i consiglieri Luca Giampieri e Giulia Matteucci hanno presentato una mozione per l’inserimento del punto “ridistribuzione treni” tra quelli in discussione all’ordine del giorno.

La valenza della mozione è duplice.

Da un lato, la considerazione che una stazione di partenza dell’Alta Velocità ad Orte potrebbe consentire una netta crescita del territorio, in primis economica, vista la presenza dell’importante distretto ceramico, fondamentale per Civita Castellana.

Inoltre, in considerazione del fatto che: “l’interconnessione di Orte è più veloce e quindi più praticabile rispetto a quelle di Orvieto, Chiusi o Arezzo e grazie al collegamento ad Alta velocità Roma o Firenze saranno raggiungibili in brevissimo tempo.

Questo potrebbe avvicinare al treno i circa due milioni di turisti che visitano questi territori a cavallo fra l’Umbria la Toscana e il Lazio…

Nell'immediato si potrebbe intervenire con una programmazione dei treni che possa permettere un miglior collegamento da e per Roma, utilizzando le infrastrutture esistenti e mettendo in sinergia i diversi tipi di treni”.

Dall’altro, l’obiettivo è quello di mantenere alta l’attenzione sulla disastrosa situazione della Roma Nord che potrebbe invece rappresentare uno snodo fondamentale per avvicinare il Capoluogo e la Capitale alla cittadina delle ceramiche.

Per tali motivi Fratelli d’Italia invita il Sindaco a: “Perseguire, insieme alla regione Lazio, tutti gli atti necessari per riprogrammare una migliore distribuzione dei treni già presenti, in modo particolare da e su Roma… e a farsi promotore presso le Istituzioni dei territori interessati per coinvolgerli in una azione comune da intraprendere nei confronti dei soggetti deputati a tali scelte.''

 

Categorie: RSS Tuscia

Maltempo, albero cade sulla strada

Mar, 20/11/2018 - 19:25
2018-11-20

ORTE - Protezione civile al lavoro questo pomeriggio a Orte dove è caduto un albero lungo la strada provinciale 150 all'altezza di Orte Scalo.

Il fatto è accaduto intorno alle 15 a pochi metri dal passaggio a livello della stazione ferroviaria.

La pianta è caduta, con tutta probabilità, a causa del maltempo invadendo buona parte della carreggiata, trascinando con sé le luminarie di Natale. Per fortuna nessuna persona è rimasta ferita. Il traffico ha subito rallentamenti per consentire la rimozione dei rami e delle foglie. Sul posto oltre ai volontari della protezione civile anche la polizia municipale. 

Categorie: RSS Tuscia

Completamento piazza della Rocca, slitta la riapertura

Mar, 20/11/2018 - 19:25
2018-11-20

VITERBO - Maltempo, il completamento dei lavori a piazza della Rocca slitta di un giorno. Lo comunica l'assessore ai lavori pubblici, centro storico e viabilità Laura Allegrini. Pertanto anche domani 21 novembre restano in vigore i provvedimenti riguardanti traffico e sosta veicolare di ieri e oggi, ovvero: divieto di sosta con rimozione e divieto di circolazione nel tratto di piazza della Rocca compreso tra via III Reggimento Granatieri di Sardegna e via della Cava; nel tratto di piazza della Rocca compreso tra via Matteotti e via della Cava è invertito il senso di marcia, consentendo il transito in direzione di via della Cava. Invertito inoltre il senso di marcia nel tratto compreso tra via Amendola e via san Faustino, in modo da consentire il transito in direzione di San Faustino. La regolare viabilità sarà ripristinata nella giornata di giovedì 22 novembre.

Categorie: RSS Tuscia

''Un anno di attesa per fare una Tac''

Mar, 20/11/2018 - 19:25
2018-11-20

VITERBO - ''Migliorano le liste d'attesa nel Lazio''. Era solo giugno quando il governatore Zingaretti anticipava importanti cambiamenti nella gestione delle tempistiche per le prestazioni sanitarie per il 2018 e per l'anno successivo.

Un miglioramento, però, che non è stato percepito da tutti. Secondo quanto riferito da un lettore a Viterbo News 24 infatti, oggi provare a prenotare una Tac può richiedere fino a 365 giorni di attesa.

''Gentile direttore, avendo necessità di sottopormi ad una Tac, mi sono rivolto di recente al Cup di Viterbo per prenotarla - scrive nella sua denuncia il lettore -. Ma la prima disponibilità era per novembre del 2019, un anno esatto di attesa che, chiaramente, non posso attendere. Ho deciso così di andare a Terontola, in provincia di Arezzo, dove invece è possibile farla in soli due giorni. Dopo questa esperienza ho deciso di scrivervi per raccontare come funziona la sanità nel Lazio: una delusione totale. In questa regione le persone devono sperare di stare sempre bene, oppure devono avere una disponibilità economica che permetta loro di curarsi tramite dei privati. Ma la cosa veramente triste è che noi continuiamo a pagare per un servizio che non riceviamo''.

Dalla Asl di Viterbo, però, fanno sapere che da qualche mese sono in vigore le nuove direttive emanate dalla Regione Lazio proprio per abbattere le liste d'attesa. In base a queste disposizioni il medico che prescrive l'esame deve indicare l'ambito di garanzia, ossia una delle quattro categorie (U, B, P e D) in cui inserire la richiesta. 

Le richieste U vengono evase in 3 giorni, le B in 10, le P in 30-60 giorni, le D differite fino anche a un anno. Proprio per evadere nei tempi le richieste più urgenti (U e B) le altre vengono differite. 

Quando nella prescrizione non è indicata la categoria, automaticamente l'esame viene considerato non urgente e ricade nella categoria D, differito. 

Categorie: RSS Tuscia

Piccoli Comuni, dalla Regione un milione di euro per le emergenze socio-sanitarie

Mar, 20/11/2018 - 16:24
2018-11-20

''La Regione Lazio stanzia 1 milione di euro per le emergenze socio-assistenziali dei piccoli Comuni. Le richieste di contributo, per un massimo di 20mila euro, di cui il 15% a carico dell'ente richiedente, potranno essere presentate entro il 30 novembre, data di scadenza dell'Avviso pubblicato sul sito www.socialelazio.it. Le risorse stanziate serviranno per aiutare i piccoli Comuni alle prese con l'inserimento in strutture residenziali di soggetti minori, di persone con handicap gravi, non autosufficienti o anziani, ma anche per finanziare gli interventi di sostegno nei confronti di famiglie in grave situazione di disagio. Saranno supportate anche misure per la tutela della gravidanza e della salute del minore''.

Ad annunciarlo l'assessore regionale alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli.

''Per la prima volta dal 2011 – spiega l'assessore Troncarelli – la Regione Lazio torna a investire su questi interventi. I piccoli Comuni, quelli sotto i 2mila abitanti, sono 163 e rappresentano gli enti ad aver maggiormente sofferto dei tagli del passato. Devono, infatti, fronteggiare un continuo spopolamento e un progressivo invecchiamento della popolazione che rendono spesso complicato garantire i servizi necessari. In queste realtà – conclude Troncarelli – si possono verificare emergenze socio-assistenziali non prevedibili al momento della programmazione degli interventi nei piani di zona distrettuali. Con tali risorse, invece, si potranno garantire in tutto il Lazio i livelli essenziali di assistenza. Il provvedimento rientra nel quadro di iniziative messe in campo dalla Regione allo scopo di creare una rete di interventi in favore dei piccoli Comuni''.

Categorie: RSS Tuscia

Giampieri smentisce la candidatura a sindaco

Mar, 20/11/2018 - 16:24
2018-11-20

CIVITA CASTELLANA - ''Leggendo con sorpresa sulla stampa l’articolo che fa riferimento ad una mia ipotetica prossima candidatura a Sindaco del Comune di Civita Castellana, mi trovo a smentire totalmente la notizia a riguardo, ricordando che già 5 anni fa mi sono trovato a smentire la stessa infondata notizia, confermando invece il mio totale impegno per il territorio da dirigente regionale di Fratelli d’Italia. Stiamo lavorando con gli altri partiti di centrodestra per un progetto unitario in vista delle prossime elezioni amministrative che riguardano oltre 30 comuni della provincia di Viterbo tra cui due importanti centri sopra i 15.000 abitanti come Tarquinia e la mia cara Civita Castellana''.

Massimo Giampieri

Categorie: RSS Tuscia

Da New Generation a Grand Hotel

Mar, 20/11/2018 - 16:24
2018-11-20

Grazie al programma di New Generation TV, che ha interessato anche la Tuscia, sono emerse le sue abilità e il suo grande talento: circondato da dodici fotografi, due registi e ben sei truccatori oggi i riflettori sono tutti su di lui.

Il giovane talentoso si presenta: ''mi chiamo Pierpaolo. Ho conseguito il diploma presso l'istituto alberghiero di Roma nel settore cucina. Ho intrapreso questo percorso di studio per la passione per i fornelli ,infatti spesso mi dedico a preparare primi piatti che sono il mio forte, ricevendo complimenti da chi li assaggia. Altra pressione che coltivo dall'età di 6 anni, è il calcio. Ritengo di essere un ragazzo solare, sempre pronto ad aiutare un amico o chiunque abbia bisogno. Sono sensibile ma allo stesso tempo molto spiritoso, infatti quando sono con i miei amici si divertono molto. Anche se posso sembrare un ragazzo sicuro di sé, in fondo nascondo un po' di timidezza che a volte però può essere fraintesa. Di contro ritengo di essere vanitoso, tanto è vero che i miei mi rimproverano di trascorrere troppo tempo davanti allo specchio per prepararmi , testardo e un po' ambizioso e forse proprio questa mia ambizione mi ha spinto ad intraprendere questo percorso''.

Categorie: RSS Tuscia

Giornata di informazione e visite gratuite per la terza età

Mar, 20/11/2018 - 16:24
2018-11-20

VITERBO - Sabato 24 novembre, presso la ex chiesa degli Almadiani, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18, si svolgerà l’iniziativa Area incontro per la terza età È Salute, giornata di informazione e di visite gratuite organizzata dall’assessorato ai servizi sociali del Comune di Viterbo in collaborazione con la Asl.

L’iniziativa si pone l’obiettivo di informare i cittadini over 60 su alcuni dei servizi attivi nella città di Viterbo, finalizzati alla presa in carico dei principali bisogni di natura sociosanitaria.

La giornata alterna momenti di confronto e di approfondimento ad attività e dimostrazioni pratiche, attraverso il Percorso della prevenzione e della sensibilizzazione e nell’Area incontro, all’interno della quale i professionisti dei due enti svilupperanno e approfondiranno delle tematiche riguardanti gli stili di vita sani ed equilibrati da adottare e i comportamenti adeguati per prevenire l’insorgenza di malattie croniche legate all’invecchiamento.

Nello specifico, nel percorso della prevenzione sarà possibile ricevere informazioni sui percorsi attivati per la presa incarico di alcune patologie come il diabete, l’Alzheimer e il Parkinson, su come e dove vaccinarsi, sul funzionamento di alcuni servizi essenziali come il Punto unico di Accesso e l’ambulatorio dei giorni festivi attivo presso la Cittadella della salute di Viterbo e sulle iniziative di attività fisica adattata promosse dal Comune di Viterbo. Sarà poi possibile sottoporsi ad alcuni esami di base, grazie alla presenza degli specialisti della Asl, e ricevere delle informazioni circa i servizi che i farmacisti offrono alla comunità in uno spazio curato dall’Ordine dei farmacisti di Viterbo.

Nell’area incontro, invece, si svolgeranno degli incontri divulgativi e delle dimostrazioni su alcune tematiche specifiche che riguardano la terza età. Dall’alimentazione al movimento, dalla prevenzione delle cadute all’attività fisica adattata, dall’allenamento della memoria alle patologie dell’invecchiamento.

''Insieme al Comune di Viterbo – spiega il direttore generale dell’azienda sanitaria locale, Daniela Donetti – abbiamo pensato a un format rivolto alla terza età, dinamico e semplice da utilizzare, che intendiamo replicare nel corso del 2019. Le parole chiave dell’iniziativa sono informazione, prevenzione e attenzione nei confronti dei bisogni di natura sociosanitaria che gli over 60 della nostra città esprimono quotidianamente. Sono bisogni complessi e richiedono una risposta che, per essere efficace, non piò essere formulata da un solo ente, ma da tutti i soggetti istituzionali interessati. La sinergia che abbiamo messo in campo con l’assessorato ai Servizi sociali e con molte associazioni di volontariato, da questo punto di vista, è un bel messaggio che inviamo ai nostri cittadini assistiti''.

''Credo profondamente nel valore della prevenzione e dell’informazione – commenta l’assessore ai Servizi sociali del Comune di Viterbo, Antonella Sberna - e mi auguro che tanti anziani della nostra città e del nostro distretto possano trovare beneficio da questa giornata di porte aperte. Si tratta infatti di una iniziativa alla quale l’Assessorato ai servizi sociali, insieme alla Asl, sta lavorando da tempo e che ho fortemente voluto sin dal mio insediamento. L’auspicio è che possa essere la prima di molte iniziative di questo tipo volta ad accorciare sempre più la distanza tra istituzioni e cittadini''.

La giornata è stata organizzata con il contributo e la collaborazione determinante delle associazioni Auser, Parkinson Viterbo, Giovani e adulti con diabete, Alzheimer Ezio Ciatti, della sezione di Viterbo della Croce rossa italiana e dell’Accademia di cultura sportiva.

Categorie: RSS Tuscia

L'Usb: ''Più di 100 lavoratori di Cup e Recup rischiano di perdere 300 euro di salario''

Mar, 20/11/2018 - 16:24
2018-11-20

VITERBO - Ad una settimana dalla scadenza del rinnovo dell’appalto, più di 100 lavoratori della Tuscia non hanno alcuna garanzia di stabilità economica e lavorativa.

Dopo i tentativi, falliti grazie alla mobilitazione dei lavoratori delle cooperative sociali del settore, di peggiorare le condizioni di lavoro degli operatori dell’assistenza psichiatrica e domiciliare, si cerca di fare lo stesso con i lavoratori del Cup, del Recup e del centralino dell’ospedale di Belcolle.

I servizi Cup, Recup e il centralino del Belcolle, esternalizzati, stanno subendo un cambio di appalto, aggiudicato, alla cooperativa entrante, al massimo ribasso. Entro una settimana, presumibilmente, la cooperativa inizierà a chiedere la firma dei contratti, cambiando il ccnl di riferimento.

Allo stato attuale, i lavoratori perderanno fra i 200 e i 300 euro al mese e tutte le garanzie normative di cui al momento dispongono, fra cui l’articolo 18.

Una procedura illegittima.

L’Usb vuole l’applicazione dell’articolo 2112 del codice civile. Questo prevede, in caso di trasferimento d’azienda, che il rapporto di lavoro continui con il nuovo concessionario e il lavoratore conservi tutti i diritti.

Per poter impugnare i contratti peggiorativi, i lavoratori devono, almeno, firmarlo con riserva.

Il tema della concessione degli appalti, per lo più al maggior ribasso, vede l’Usb da sempre in lotta, insieme ai lavoratori. Il sindacato ha ribadito più volte in Regione la necessità di reinternalizzare tutti i servizi, stabilizzando i lavoratori attraverso concorsi pubblici che tengano conto della professionalità acquisita nei molti anni di servizio svolti per la Sanità Pubblica.

I lavoratori del Cup, del Recup e del centralino di Belcolle non hanno acquisito solo esperienza nel proprio settore specifico, ma anche in quello amministrativo. In questi anni, infatti, i pensionamenti nel comparto amministrativo non sono mai stati sostituiti, costringendo i lavoratori ad occuparsi di tutte le mansioni, come ad esempio la scelta del medico.

Per poter iniziare un percorso di mobilitazione che consenta la tutela dei diritti economici e normativi, acquisiti dai lavoratori, è fondamentale l’unione e l’organizzazione dei lavoratori.

L’Unione sindacale di Base è disponibile, nella sede di Viterbo, a rispondere a qualsiasi informazione e richiesta in proposito.

Usb Viterbo, Elisa Bianchini

Categorie: RSS Tuscia

Come diagnosticare in maniera semplice l’intolleranza al lattosio

Mar, 20/11/2018 - 16:24
2018-11-20

Civita Castellana - Vi sarà sicuramente capitato di sentire amici e conoscenti affermare di non poter bere latte e fmangiare ormaggi o assumere bevande contenenti latte?

Questo impedimento è forse dovuto a un’intolleranza al lattosio?

A oggi sono ancora pochi gli italiani che scelgono con consapevolezza di eseguire test adeguati e scientificamente validi per diagnosticare i motivi di un disturbo davvero molto diffuso. Si stima infatti che circa il 50% della popolazione sia intollerante al lattosio, non tutti con la stessa gravità, anche se solo 1 persona su 4 sa di esserlo.

L’intolleranza al lattosio si verifica in caso di mancanza parziale o totale della lattasi, ovvero l’enzima in grado di scindere il lattosio nei suoi due zuccheri semplici, glucosio e galattosio. Il lattosio è il principale zucchero del latte e rappresenta il 98% degli zuccheri presente nel latte, oltre a essere presente anche in altri prodotti lattiero-caseari derivati. Il lattosio viene spesso utilizzato anche come additivo, quindi è fondamentale leggere attentamente le etichette di ciò che ci accingiamo ad acquistare. Il quadro clinico che deriva dall’intolleranza al lattosio è solitamente caratterizzato da dolori addominali di tipo crampiforme, meteorismo, pesantezza di stomaco, senso di gonfiore gastrico, diarrea o stitichezza che insorgono da 1-2 ore a qualche giorno dopo l’ingestione di alimenti che contengono lattosio.

Come diagnosticare l’intolleranza al lattosio?

Una metodica efficace è il test del respiro o breath test: un esame semplice, sicuro e indolore.

A parlarcene è la dottoressa Chiara Menichelli, tecnico di laboratorio di Gruppo Ippocrate.

Vi ricordiamo che presso i nostri laboratori è possibile eseguire il breath test lattosio con consegna del referto in 24 ore.

VEDI IL VIDEO

 

Per maggiori informazioni potete rivolgervi alle nostre segreterie:

Civita Castellana 0761 514328

Ronciglione 0761 628012

 

Categorie: RSS Tuscia

Acqua torna potabile, revocata l'ordinanza

Mar, 20/11/2018 - 16:24
2018-11-20

ACQUAPENDENTE - Con ordinanza N° 150 di martedì 20 Novembre, il sindaco di Acquapendente Angelo Ghinassi oggi ha revocato la precedente n° 148 con la quale si vietava l’utilizzo per uso potabile dell’acqua erogata dall’acquedotto comunale del Capoluogo per concentrazione di floruri superiori ai limiti previsti dal Decreto Legislativo N° 31 / 2001. La loro concentrazione, infatti, risulta nuovamente conforme ai limiti di legge.

 

Categorie: RSS Tuscia

L'arte del Natale anima la città

Mar, 20/11/2018 - 13:22
2018-11-20

VITERBO – (M.V.) ''Finalmente il centro ritorna ad essere protagonista della vita della città e del Natale'' lo ha detto l’assessore Laura Allegrini intervenendo questa mattina alla conferenza stampa di presentazione dell’Arte del Natale in programma dal 23 novembre al 6 gennaio. ''E’ importantissimo creare queste iniziative interessanti – ha aggiunto l’assessore Allegrini - anche per valorizzare il centro in tutti i suoi aspetti''.

La manifestazione organizzata dalla Pro loco animerà tre chiese: la Chiesa del Gesù, la Basilica di Santa Maria della Quercia e la Chiesa di Santa Maria Nuova. Nella prima sarà ospitato il presepe monumentale di Penna in Teverina, nella seconda 100 presepi nel Chiostro e nell’ultima il Chiostro incantato. Presso la Basilica di Santa Maria della Quercia inoltre l’8 e il 9 e il 15 e 16 dicembre si terrà il mercatino di Natale dalle 10 alle 12-30 e dalle 15 alle 19. Inoltre il 30 dicembre e il 6 gennaio dalle 17 alle 19 si terrà il presepe vivente nel Chiostro. Il costo del biglietto unico è di 2 euro. ''Un prezzo esiguo - ha spiegato Irene Temperini della Pro loco - Il biglietto servirà solamente a coprire le spese. Sperando di riuscire a farlo''.

Il sindaco Arena si è complimentato con gli assessori per il lavoro svolto. ''Ringrazio tutti gli autori di questa iniziativa - ha detto il primo cittadino - sono sicuro che i viterbesi quest'anno per Natale non avranno tempo per annoiarsi''.

Presenti alla conferenza anche gli assessori De Carolis e Mancini. Filippo Rossi, don Mario Brizi (della parrocchia di San Pellegrino e Santa Maria Nuova), don Massimiliano Balsi (de La Quercia).

Tra i vari interventi sicuramente denso di contenuti quello di don Mario Brizi che ha ricordato l' importanza di queste iniziative per mantenere vivo l' interesse della gente verso chiese come Santa Maria Nuova, che vivono di volontariato e solidarietà. Il sacerdote ha sottolineato la bellezza del chiostro longobardo riaperto e gestito da un gruppo di volontari.

L’assessore alla cultura De Carolis ha sottolineato il lavoro di squadra. ''Lavorando in sinergia – ha detto - riusciremo a valorizzare tre luoghi splendidi della nostra città''. L'assessore ha poi ricordato i vari appuntamenti che già dai prossimi giorni animeranno le feste natalizie e ha sottolineato il fatto che si sia 'usciti dalle mura' con questa iniziativa, perché ha rammentato che ''Viterbo e tutto anche quello che è fuori le mura cittadine''.

Categorie: RSS Tuscia

Paesaggio 4.0, un progetto finanziato dal Miur perchè l'Unitus è università d'eccellenza

Mar, 20/11/2018 - 13:22
2018-11-20

VITERBO - Il Dipartimento per la Innovazione nei Sistemi Biologici Agroalimentari e Forestali (Dibaf) dell’Università della Tuscia è stato selezionato dal Miur tra i Dipartimenti universitari di eccellenza in Italia.

Paesaggio 4.0 è il progetto in cui nei prossimi cinque anni il Dipartimento ha scelto di investire le risorse ministeriali, in cofinanziamento dell’Università della Tuscia e propri fondi di ricerca, per potenziare ricerca, attività didattiche anche internazionali, e il rapporto con imprese, istituzioni e società civile.

Obiettivo del progetto è analizzare la complessità delle interazioni tra capitale naturale, culturale e sociale attraverso lo sviluppo di tecnologie innovative in grado di favorire l’integrazione di diverse tipologie di informazioni, consentendone l’accesso e l’utilizzo per la gestione e valorizzazione del patrimonio, alimentare, ambientale e culturale del Paesaggio con un approccio olistico basato sul Big Data analysis and processing.

Tecnologie di grande potenza quali il monitoraggio ambientale e forestale e il telerilevamento, la modellistica ecologica, la bioinformatica a livello genetico e di ecosistema, smart technics per la tracciabilità della sostenibilità e qualità nelle produzioni agro-alimentari, le tecniche di progettazione e restauro dell’ambiente e dei beni culturali, costituiscono competenze multidisciplinari che verranno elaborate e integrate fra loro grazie a metodologie innovative di big data analytics e di intelligenza artificiale, fornendo una grande opportunità per la conservazione, la gestione e la valorizzazione del capitale naturale, produttivo, alimentare e culturale del nostro paesaggio, appunto Paesaggio 4.0.

Categorie: RSS Tuscia

Boom di visitatori a Palazzo Chigi

Mar, 20/11/2018 - 13:22
2018-11-20

SORIANO NEL CIMINO - Boom di visitatori all’apertura straordinaria di Palazzo Chigi a Soriano nel Cimino. Grande successo per la giornata delle Dimore Storiche del Lazio, che si è tenuta lo scorso 21 ottobre 2018, organizzata dalla Regione Lazio e sostenuta dal Comune di Soriano nel Cimino.

Oggi, dopo un attento monitoraggio delle prenotazioni e delle entrate, è stato quindi possibile tracciare un bilancio positivo delle presenze di fruitori avutasi per l’apertura straordinaria della splendido Complesso monumentale di Villa Madruzzo, in seguito Palazzo Albani e poi Chigi.

Le dimore storiche nella provincia di Viterbo oltre a Palazzo Chigi e la Torre di Chia a Soriano nel Cimino, sono state anche la Torre di guardia del Castello dei Conti di Anguillara e l’Ex Convento dei padri carmelitani di Canepina, il Castello di Santa Cristina di Grotte di Castro, il Parco di Villa Altieri di Oriolo Romano, le Botteghe Farnese e il Santuario della Madonna del Ruscello a Vallerano, il Complesso monumentale prospettico di Viale Colesanti, il Palazzo Cozza Caposavi a Bolsena, Palazzo Orsini a Bomarzo, le ''Ex Scuderie'' del Palazzo Farnese di Caprarola, Palazzo Farnese a Gradoli, l’Antica Città di Castro a Ischia di Castro, la Rocca dei Papi a Montefiascone, il Castello e il Palazzo Guido Ascanio Sforza a Proceno, Villa Savorelli a Sutri, il Castello Costaguti e Villa Rossi Danielli a Viterbo.

A Soriano nel Cimino c’è stato un vero e proprio boom di visitatori, ben più di 400, interessate alla storia della splendida Villa Madruzzo, oggi Palazzo Chigi, con le sue meravigliose fontane, il mitreo e i suoi segreti, coerentemente, dal punto di vista di ricognizione storica filologica, arredato dal Rione Papacqua, il quale con un team di ricercatori sta approfondendo e ampliando il periodo della presenza del Cardinal Cristoforo Madruzzo nel paese cimino.

Le visite guidate sono state condotte magistralmente dai volontari dall’Associazione Soriano Terzo Millennio onlus, che hanno coordinato con gruppi di 10-15 persone i percorsi fruibili in tutto il Complesso Monumentale, dai Giardini pensili, alle Scuderie fino al meraviglioso palazzo e alle fontane.

Un evento che ha fatto conoscere la storia non soltanto del paese ma anche, in via del tutto inedita, del Palazzo a tante persone provenienti da tutta la provincia, moltissime anche dalla capitale, dall’Umbria, dalla Toscana, ma anche tanti turisti stranieri abitualmente residenti negli alberghi di Soriano nel Cimino.

Categorie: RSS Tuscia

''Un albero per ogni nato e tutti potranno godere dei frutti''

Mar, 20/11/2018 - 13:22
2018-11-20

RONCIGLIONE - ''Gli alberi rappresentano un inestimabile tesoro – ha commentato l'assessore all'Ambiente, Maura Luzzitelli – forniscono aria pulita, impediscono lo smottamento dei terreni ed offrono rifugio a molti esseri viventi. Con questa iniziativa vogliamo preservare tale tesoro, attraverso la messa in dimora di alberi da frutta tradizionali ed il recupero di alcune specie autoctone dimenticate, come le sorbe, le giuggiole e le nespole, che rischiano altrimenti di andare perse. Vogliamo che questo nuovo spazio verde diventi un 'giardino della condivisione', un luogo in cui tutti potranno godere dei frutti che nasceranno''.

L'Assessorato all'Ambiente del Comune di Ronciglione promuove la seconda edizione di ''Un albero per ogni nato'', iniziativa che lo scorso anno aveva portato alla messa in dimora di 60 alberi di leccio dedicati ai bambini nati nel 2016 e residenti a Ronciglione.

Quest'anno si replica, domenica 2 dicembre, con l'assegnazione di 42 alberi da frutta, uno per ogni nato nel 2017. L'appuntamento è alle ore 11 in Viale 5 giugno (località Pinetina).

L'iniziativa ''Un albero per ogni nato'' è in ottemperanza alla legge 10/2013, con la quale la nostra Repubblica riconosce il valore dell'ambiente e del patrimonio boschivo, attraverso una serie di politiche volte al controllo delle emissioni, al miglioramento della qualità dell'aria e alla lotta al dissesto idrogeologico. Ronciglione ha voluto fare propria tale disposizione, con una giornata dedicata proprio alla messa in dimora di nuovi alberi, creando così un appuntamento che si svolgerà tra la terza domenica di novembre e la prima di dicembre di ogni anno, e che renderà ancora più bella e verde la cittadina della Tuscia.

Categorie: RSS Tuscia

Perde l'orientamento mentre cerca i funghi: ritrovato dai carabinieri un 68enne

Mar, 20/11/2018 - 13:22
2018-11-20

VALENTANO - Ieri sera i carabinieri della stazione di Valentano, sono stati allertati dalla centrale operativa della compagnia di Tuscania, poiché erano appena stati chiamati dai familiari di un anziano di circa 68 anni, originario di Montefiascone,che era andato a funghi dalla mattina in zona agreste limitrofa alla S.P. Olpeta, all’ interno di un fitto bosco, e non aveva più dato notizie , e di cui si erano perse le tracce; immediatamente le pattuglie dell’ arma in zona sono state fatte convergere unitamente alla protezione civile ed alla polizia locale; e tutto il dispositivo coordinato dalla centrale operativa della compagnia carabinieri di Tuscania, ha consentito alla pattuglia automontata della stazione di Valentano , verso le ere 18.30 e prima che tutto si complicasse a causa del buio, di raggiungere l’ anziano e di soccorrerlo, trovandolo comunque in buone condizioni di salute.

Categorie: RSS Tuscia

Autobus Cotral in fiamme nel deposito

Mar, 20/11/2018 - 13:22
2018-11-20

BAGNOREGIO - Autobus Cotral in fiamme nel deposito.

Per cause ancora in corso di accertamento, ieri sera intorno alle 21.45, un pullman parcheggiato all'interno del deposito Cotral di Bagnoregio ha improvvisamente preso fuoco.

Le fiamme, che in poco tempo hanno avvolto interamente il mezzo di trasporto pubblico distruggendolo, hanno anche danneggiato la pensilina dove il pullman era in sosta.

Immediato l'intervendo dei vigili del fuoco del distaccamento di Gradoli che, grazie al supporto dei colleghi di Orvieto e dell'autobotte di Viterbo, sono riusciti a sedare le fiamme in poco tempo.

In corso gli accertamenti sulle cause dell'incendio.

Categorie: RSS Tuscia

Parrucchiere di Fabrica al Festival Mondiale delle Acconciature in Russia

Mar, 20/11/2018 - 13:22
2018-11-20

FABRICA DI ROMA - Da domani, a Sochi in Russia, si svolgerà il Festival Mondiale delle Acconciature, al quale parteciperanno 1000 parrucchieri provenienti da 25 nazioni del mondo. A gareggiare per il primato, anche Francesco Cagnetti classe ‘78 di Vallerano, gestore di un salone a Fabrica di Roma sin da l’età di 16 anni insieme a sua sorella Palma.

La selezione per il mondiale, eseguita del Preside della Nazionale Italiana Acconciatori, Mr. Luigi Serrone, è stata fatta su 3500 parrucchieri, formando la squadra di 14 membri provenienti da tutta Italia che sfideranno le altre nazioni in varie categorie: acconciature, taglio, colore, make-up. Una volta terminata la gara ad attenderli ci sarà l’occhio critico e severo della giuria presieduta dal grande stilista Georgiy Kot, l’hairstylist più famoso della Russia e seguitissimo sui social per la sue opere d’arte sui capelli.

Cagnetti, unico acconciatore del Lazio, farà della sua determinazione e della sua passione per questo lavoro, le sue armi principali per combattere questa difficilissima gara internazionale.

Categorie: RSS Tuscia