News da viterbonews24.it

Abbonamento a feed News da viterbonews24.it News da viterbonews24.it
Quotidiano online di Viterbo
Aggiornato: 10 min 4 sec fa

Controlli straordinari dei carabinieri, c'è anche l'elicottero

10 min 4 sec fa
2019-05-23

VITERBO - Dalle prime luci di stamani i carabinieri del comando provinciale di Viterbo sono impegnati in un serie di controlli straordinari su tutta la città con l'ausilio dell'elicottero della CIO – Compagnia di Intervento Operativo – dell'8° Reggimento Lazio.

I controlli dei militari, finalizzati alla prevenzione generale dei reati, sono stati svolti in modo particolare di fronte al cimitero di San Lazzaro, lungo la Cassia Nord, e dovrebbero proseguire per tutta la giornata.

Categorie: RSS Tuscia

Talete, Chimici Ugl: ''Chiediamo urgentemente un incontro al Comune''

10 min 4 sec fa
2019-05-23

VITERBO - Apprendiamo con grande preoccupazione, da parte degli organi di stampa, ciò che si sta verificando in merito alla società Talete spa a seguito del pignoramento dei conti da parte del Comune di Viterbo. Prendiamo atto, non senza apprensione, dei risvolti preoccupanti che questa scelta potrà generare sia sui lavoratori della partecipata, i cui stipendi sono a rischio, sia sulla gestione e sull'erogazione del servizio idrico. Pertanto, in quanto rappresentanti di un'organizzazione sindacale che conta degli iscritti all'interno del personale in forza a Talete, chiediamo con estrema urgenza un incontro al Comune di Viterbo per chiarire le intenzioni dell'amministrazione capoluogo in merito al futuro della società che gestisce il servizio idrico integrato.

Gianluca Gregori

Segretario provinciale Chimici UGL

Categorie: RSS Tuscia

Difesa della costa, dalla Regione 2 milioni di euro per gli interventi di ripasciamento

10 min 4 sec fa
2019-05-23

MONTALTO DI CASTRO - Oltre 2 milioni di euro per l’attuazione di interventi di ripascimento costruttivo delle coste laziali. E’ stata pubblicata oggi dalla Regione Lazio la determina relativa ai finanziamenti concessi a favore dei Comuni di Montalto di Castro, Santa Marinella, Latina, Sabaudia, Terracina, Fondi e del X municipio di Roma Capitale per l’immediato avvio di opere di ripascimento urgenti.

Le risorse messe a disposizione delle amministrazioni locali rientrano nel programma triennale per la difesa e la ricostruzione dei litorali, approvato lo scorso febbraio dalla giunta Zingaretti. Gli enti beneficiari, a cui farà capo l’esecuzione degli interventi, sono stati individuati sulla base delle istanze di finanziamento pervenute a seguito della nota inviata dalla direzione regionale Lavori Pubblici, Stazione Unica Appalti e Difesa del Suolo ai comuni del litorale laziale.

Nota nella quale erano stati indicati i tre criteri per l’accesso al finanziamento: il limite massimo di 20mila metri cubi di sabbia movimentata, l’invio dell’adeguata documentazione tecnica e l’impegno a completare gli interventi in tempo utile per l’avvio della stagione estiva.

''Con questo finanziamento, previsto dal programma di difesa dei litorali, la Regione Lazio vuole assicurare un’immediata risposta non solo ai danni provocati dalle recenti ondate di maltempo, ma anche ai problemi già a suo tempo segnalati dalle amministrazioni locali. In questi mesi non ci siamo limitati a effettuare sopralluoghi, ma abbiamo messo in campo soluzioni concrete per interventi immediati a salvaguardia dei litorali laziali, in vista della stesura di un complessivo piano integrato di difesa della costa'', ha spiegato Mauro Alessandri, assessore ai Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Mobilità della Regione Lazio.

Categorie: RSS Tuscia

Rilascio tessere, gli orari di apertura dell'ufficio elettorale

10 min 4 sec fa
2019-05-23

Riceviamo e pubblichiamo dal Comune di Viterbo

VITERBO - In questi giorni che precedono le elezioni dei membri del Parlamento Europeo spettanti all'Italia, si ricorda che l'ufficio elettorale osserverà il seguente orario: nei due giorni antecedenti la consultazione elettorale, sarà aperto dalle ore 9 alle ore 18, nel giorno della votazione, ovvero il 26 maggio, dalle ore 7 alle ore 23.

L'ufficio elettorale sarà a disposizione per il rilascio di tessere elettorali non consegnate o per duplicati delle stesse in caso di deterioramento, smarrimento, esaurimento degli spazi a disposizione, furto dell'originale. Si ricorda che, in caso di deterioramento o smarrimento, il duplicato della tessera sarà rilasciato dall'ufficio elettorale comunale previa apposita dichiarazione dell'interessato su moduli predisposti da tale ufficio; in caso di esaurimento spazi, il duplicato della tessera sarà rilasciato dall'ufficio elettorale comunale previa esibizione della tessera completata dalle annotazioni di voto. In entrambi i casi, l'elettore dovrà esibire un documento di riconoscimento in corso di validità. L'ufficio elettorale comunale si trova a piazza Fontana Grande n. 19 (ex tribunale).

Categorie: RSS Tuscia

Le auto storiche dei papi arrivano a Viterbo

10 min 4 sec fa
2019-05-23

VITERBO - Le auto storiche dei papi arrivano a Viterbo, clicca QUI per vedere tutte le foto  

Foto di Max Vismara e Charlie Myke

Categorie: RSS Tuscia

Raccolta ingombranti, appuntamento domenica a Santa Barbara

10 min 4 sec fa
2019-05-23

Riceviamo e pubblichiamo dal Comune di Viterbo

VITERBO - Raccolta stradale straordinaria ingombranti, il prossimo appuntamento domenica 26 maggio a Santa Barbara, nell'area di parcheggio in via Dorando Pietri (angolo via Biga di Castro).

Si ricorda che, in occasione della raccolta stradale straordinaria ingombranti, sarà possibile conferire anche i piccoli elettrodomestici (R4), ovvero cellulari, piastre per capelli, phon, stampanti, stufette, aspirapolveri, fax, lampadari, tastiere e pc, calcolatrici, tablet, ventilatori. Accettati anche tubi fluorescenti, neon.

Confermato il consueto orario, ovvero dalle 7 alle 11, con una precisazione: il personale di Viterbo Ambiente garantirà l’accesso alla postazione fino al riempimento di un cassone di legno, un cassone di rifiuti ferrosi, un cassone di sfalci e due cassoni di rifiuti ingombranti (poltrone, divani, ombrelloni, arredi giardino in plastica, tappeti, sdraio, valigie, materassi, cuscini, manufatti e armadi in plastica, giocattoli, tendaggi).

Si ricordano le tipologie di rifiuto ammesse: ingombranti avviabili a tmb (poltrone, divani, ombrelloni, arredi giardino in plastica, tappeti, sdraio, valigie, materassi, cuscini, manufatti e armadi in plastica, giocattoli, tendaggi), legno, ferro, sfalci e potature domestiche. Per quanto riguarda quest'ultima tipologia, ovvero sfalci e potature domestiche, si precisa e ribadisce che il servizio è rivolto alle sole utenze domestiche e saranno accettati un massimo di sei sacchi a utente.

Saranno ammessi inoltre questi rifiuti: lavatrici, lavastoviglie, scaldabagno, forni da incasso, piani cottura.

Non saranno accettati: RAEE ovvero rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (eccetto i piccoli elettrodomestici R4 sopra menzionati, lavatrici, lavastoviglie, forni da incasso, piani cottura, scaldabagno). Non saranno accettati rifiuti non differenziati, secco residuo, organico, carta e cartone, imballaggi di alcun genere, batterie, vernici, specchi, rifiuti inerti, sanitari, presidi medico-chirurgici, medicine, lampadine, bombole a pressione, parti di veicoli a motore e natanti, porte, finestre, persiane e serrande, pannolini e pannoloni, pneumatici, oli minerali e vegetali, rifiuti di provenienza edile e ristrutturazione (guaine, isolanti, tubi pvc), liquidi infiammabili, toner, abiti usati, scarti di macellazione, panificazione e pescherie. Si ricorda nuovamente che non saranno accettati frigoriferi, congelatori e condizionatori, tv e monitor.

Sarà possibile conferire al massimo tre pezzi per utenza. Il servizio è riservato esclusivamente alle utenze del comune di Viterbo. Resta facoltà del personale addetto al presidio da parte della Viterbo Ambiente respingere tipologie di rifiuto non ammesse, ed eventuali richieste di conferimento una volta esaurita la fruibilità dei cassoni carrabili sopra riportati.

Attenzione al divieto di sosta che verrà istituito sul posto, in occasione della raccolta stradale. Nello specifico, si segnala che, dalle ore 17 del 25 maggio fino alle ore 12 del giorno 26 maggio, sarà in vigore il divieto di sosta nell'area che ospiterà la raccolta.

Questi i successivi appuntamenti: il 9 giugno a Bagnaia, il 23 giugno al Carmine, il 30 giugno al Poggino.

Per ulteriori informazioni, contattare telefonicamente Viterbo Ambiente ai seguenti numeri e nei seguenti orari: numero verde 800 81 48 48 (da telefono fisso) e 0761.253997 (da cellulare) – dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 16,30. www.viterboambiente.net .

 

 

 

 

 

Categorie: RSS Tuscia

Plagiata e schiavizzata, la 25enne non ha accusato il santone Lino

10 min 4 sec fa
2019-05-23

ACQUAPENDENTE - (b.b.) Plagiata dal santone Lino, la ragazza, ascoltata dai magistrati, non ha accusato formalmente l’uomo.

Si è concluso poco dopo le 11, l’incidente probatorio sulla 25enne adepta della setta QNEUD, Questa Non È Una Democrazia: secondo la ricostruzione della Procura, il 62enne approfittando dello stato di “inferiorità psicologica e fisica della ragazza” la avrebbe costretta a consumare con lui rapporti sessuali, a svegliarsi in piena notte per masturbarsi e addirittura a bere la propria urina. Tutto in nome di una “purificazione dell’anima” a cui, secondo il presunto santone, sarebbe giunta attraverso queste pratiche.

Che avrebbero riguardato anche il pagamento dell’affitto dell’appartamento in cui i due, nonostante i quaranta anni di differenza, convivevano ad Acquapendente.

A denunciare la situazione, la madre della ragazza, dopo aver letto alcune pagine di diario della figlia e alcuni sms inviati ad amiche in cui la 25enne avrebbe raccontato tutto ciò che sarebbe stata costretta a fare.

La giovane, in aula, non avrebbe accusato formalmente l’uomo, pur rispondendo a tutte le domande del magistrato.

Categorie: RSS Tuscia

Univercity: ''Aderiamo allo sciopero mondiale per il clima!''

10 min 4 sec fa
2019-05-23

VITERBO - L’associazione studentesca Univercity Viterbo e i ragazzi di ReGeneration Unitus aderiranno allo sciopero mondiale per il clima del 24 maggio

L’associazione studentesca Univercity Viterbo e i ragazzi di ReGeneration Unitus aderiranno allo sciopero mondiale per il clima organizzato dalla Consulta provinciale che si terrà il 24 maggio alle ore 9:00 a piazza del Plebiscito.

''Abbiamo deciso di prendere una posizione chiara sulla tematica ambientale partecipando alla manifestazione perché - dichiarano i ragazzi dell’associazione Univercity Viterbo - riteniamo fondamentale ribadire la necessità di un modello di sviluppo sostenibile. Come associazione studentesca è nostro dovere non soltanto agevolare la vita dei ragazzi nell’ambiente universitario ma anche sensibilizzare e far sentire la nostra voce su tematiche che riteniamo di rilievo, lottando per il nostro futuro anche al di fuori dell’Università della Tuscia''.

La situazione ambientale, negli ultimi anni, ha preso delle pieghe estremamente preoccupanti. Le condizioni drammatiche in cui viviamo ci pongono di fronte a delle scelte non più rinviabili. Il tempo limite per agire, secondo l’IPCC (Intergovernmental panel on climate change), è di dodici anni, lasso di tempo decisivo per invertire la rotta e limitare gli effetti del cambiamento climatico. In caso contrario, le conseguenze saranno irreversibili.

Categorie: RSS Tuscia

Il generale Pianeselli a Civita Castellana e Tuscania, il Popolo della Famiglia si radica nella ...

10 min 4 sec fa
2019-05-23

CIVITA CASTELLANA - Il coordinatore Lazio nord del Popolo della Famiglia Guido Pianeselli getta le basi per la futura costituzione di circoli nel viterbese. ''La raccolta di firme per il reddito di maternità ha consentito al Popolo della Famiglia di assumere contatti diretti ed adesioni in molti comuni della Tuscia – ha dichiarato Pianeselli, candidato alle elezioni europee – in particolare con esponenti del mondo pro life ma anche con cittadini comuni che hanno apprezzato l’iniziativa. A Tuscania e a Civita Castellana in particolare, cittadine ove sono state raccolte oltre 100 firme ciascuna, si sono svolti molteplici incontri per definire un percorso di radicamento territoriale progressivoche porti anche nelle amministrazioni locali istanze in favore di vita e famiglia''.

''In particolare per le prossimeamministrative – ha continuato il coordinatore del movimento – coloro che ci hanno dato fiducia avranno indicazioni di appoggiare quei candidati e coalizioni che hanno a cuore ed agiscono in coerenza ai nostri principi mentre siamo aperti a richieste di adesioni a programmi pro life e pro family. Siamo di fronte ad un nuovo modo di fare politica – ha concluso l’ing. Pianeselli – dove le istanze le dettano i cittadini e le famiglie. Abbiamo per ora aperto altri due siti facebook del Popolo della Famiglia di Civita Castellana e di Tuscania che si aggiungono a quello del circolo di Viterbo, ove potremo raccogliere le istanze delle persone''.

Siti di riferimento

https://www.facebook.com/Il-Popolo-della-Famiglia-Civita-Castellana-682619805524339/

https://www.facebook.com/Il-Popolo-della-Famiglia-Tuscania-1450720678398999/

https://www.popolodellafamiglia.lazio.it/archivio/articolo/mario-adinolfi-un-programma-per-dare-uncuore-all-europa.html

Categorie: RSS Tuscia

Caprioli: 'Non potrò essere all'incontro di domani poichè avevo già stabilito altre iniziative ...

10 min 4 sec fa
2019-05-23

Civita Castellana - Siamo dispiaciuti di non poter partecipare all’incontro che si terrà tra gli altri Candidati Sindaco di Civita Castellana poiché avevamo già messo in calendario altre iniziative.

Comunque, ad oggi, non è chiaro chi sia stato il promotore di questo confronto, visto che Zezza ha pubblicamente citato il nome di Claudio Parroccini, candidato al consiglio comunale, nonché figlio di uno dei Candidati Sindaco, mentre lo stesso Parroccini junior lo ha smentito sostenendo che ha parlato a nome del Comitato elettorale per Parroccini Sindaco. Altrettanto poco chiari sono i termini del confronto.

Tralasciando questo dettaglio, siamo contenti che sia tornata la serenità tra questi due partiti, Forza Italia e PD, che parteciperanno al dibattito.

Vogliamo inoltre ricordare che il Candidato Sindaco Franco Caprioli ha già partecipato a due confronti pubblici con gli altri Candidati Sindaco di Civita Castellana; anzi, per essere precisi, al primo confronto, avvenuto in diretta streaming, il 17 maggio 2019 presso l’Aldero Hotel, hanno partecipato tutti ad eccezione del candidato Parroccini, il quale addossava la sua mancata presenza all’organizzatore dell’evento “Viterbo News 24” ma veniva energicamente smentito da quest’ultimo .

Ci teniamo a precisare che martedì sera siamo stati fino alle ore 22.30 nel centro storico per esporre le nostre idee e per discutere con i commercianti e gli abitanti, e che quindi abbiamo avuto occasione di farci conoscere e di ascoltare le proposte di chi nel cuore di Civita vive e svolge la propria attività lavorativa.

Riteniamo che non occorra un ulteriore confronto con gli altri Candidati Sindaco per essere presenti nel centro storico, ma basta incontrare personalmente, anche senza tanto clamore, i cittadini come abbiamo già fatto e come contiamo di fare se gli elettori ci daranno fiducia.

In ogni caso, facciamo un in bocca al lupo ai candidati che parteciperanno all’incontro e gli auguriamo una buona chiusura di campagna elettorale.

 

COMITATO ELETTORALE PER FRANCO CAPRIOLI SINDACO

Categorie: RSS Tuscia

Anpi, incontro sui contenuti della Costituzione e i valori delll'Antifascismo

10 min 4 sec fa
2019-05-23

Riceviamo e pubblichiamo dal direttivo della sezione Anpi ''Emilio Sugoni''

NEPI - Si è svolto mercoledì 22 maggio 2019, presso la Sala consiliare del comune di Nepi, un incontro sui contenuti della Costituzione e il valore dell'Antifascismo anche a livello territoriale, in vista della prossima consultazione amministrativa.

All'incontro, promosso dalla sezione Anpi (Associazione nazionale partigiani d'Italia) ' Emilio Sugoni' di Nepi, hanno preso parte Alessandra Alimelli, Pier Alfredo Pica, Pietro Soldatelli e Franco Vita, candidati a sindaco delle rispettive liste.

L'incontro è stato introdotto e moderato da Giocondo Gregori, presidente della sezione nepesina dell'Anpi, che ha invitato i quattro candidati a sindaco ad esprimersi su i contenuti della lettera aperta inviata il 10 maggio 2019 ( in allegato) che auspica, nella formulazione dei programmi elettorali per la città di Nepi , impegni concreti per la piena attuazione di quanto stabilito dalla Carta Costituzione.

Gli interventi dei quattro candidati a sindaco sono stai quindi focalizzati sui contenuti della lettera, e a fine incontro tutti i candidati hanno si sono espressi in modo favorevole e concorde, in ossequio alle norme contenute nella Carta Costituzionale, per una sempre più attenta vigilanza antifascista da realizzarsi anche attraverso la non concessione di spazi pubblici a gruppi, organizzazioni e partiti di ispirazione fascista, nazi-fascista e razzista.

Categorie: RSS Tuscia

Truck Food Festival, a Fabrica tutto il meglio del cibo da strada

10 min 4 sec fa
2019-05-23

FABRICA DI ROMA - Dal 14 al 16 giugno, l’ampio spazio del Parco delle Vallette ospiterà la terza edizione del Food Truck Festival e Fabrica diverrà la capitale della Tuscia del cibo da strada.

L’evento, che ha riscosso negli anni scorsi un ottimo successo e numeri straordinari di visitatori torna a diffondere, attraverso il cibo, la cultura e le tradizioni di tutt’Italia. Nei numerosi stand presenti, infatti, sarà un trionfo di odori e sapori diversi, evocativi di un luogo, di un paese, di una particolarità di ciascuna regione.

In un viaggio lungo lo Stivale, da nord a sud sarà possibile degustare: arancini, cannoli, pane e milza siciliani, focaccia ligure, puccia leccese, pizza romana, hangus irlandese, arrosticini, cacio cavallo impiccato, fritto di pesce, specialità umbre, cucina spagnola, lampredotto e tagliata, birra alla spina, specialità italiane e estere.

Tra show cooking, percorsi tematici e degustazioni si potrà assaporare il migliore cibo da strada su due ruote, sia italiano che internazionale. La manifestazione, organizzata dal comitato San Matteo con il patrocinio dell’amministrazione comunale, creerà, insomma un vero e proprio villaggio multietnico sotto le stelle, valorizzando i mille aspetti che legano l’uomo al cibo e alle sue tradizioni culinarie.

Un appuntamento imperdibile alla scoperta del gusto e delle tipicità locali che caratterizzano tutta la Penisola.

Categorie: RSS Tuscia

''Il Parco del Treja aiuta a mitigare le emissioni di CO2''

10 min 4 sec fa
2019-05-23

CALCATA - Nell’aprile 2018, attraverso l’adesione al progetto Ossigeno che coinvolge i boschi del Parco Valle del Treja e il conseguente utilizzo dei crediti di CO2 generati, è stato stipulato il primo accordo di mitigazione delle emissioni tra l’Associazione Phoresta onlus e Vagabondo Viaggi, primo accordo del genere stipulato in Italia. Grazie a questa collaborazione Vagabondo Viaggi calcola – in base ai viaggi venduti – l’ammontare delle emissioni di CO2 prodotte dagli aerei utilizzati e le compensa acquistando da Phoresta i crediti di carbonio corrispondenti, proprio i crediti generati nel Parco, che ne trae il proprio vantaggio: i boschi individuati dal progetto sono stati tutelati piuttosto che essere tagliati.

Il 99% dell’inquinamento derivante da un viaggio è infatti ascrivibile proprio all’utilizzo dell’aereo. Il responsabile di Vagabondo, Matteo Bordini, vuole far sì che tutti i viaggi del tour operator siano compensati dal punto di vista delle emissioni. È auspicabile però che questi interventi siano anche tangibili e verificabili da chiunque voglia controllarli. L’iniziativa di Phoresta e del Parco ha permesso di compensare la CO2 di tutti i viaggi di Vagabondo in maniera concreta, tangibile e verificabile. Infatti i viaggiatori possono visitare il bosco tutelato anche grazie alla compensazione.

Categorie: RSS Tuscia

Previsioni meteo per venerdì 24 maggio

10 min 4 sec fa
2019-05-23

Viterbo

Tempo stabile al mattino con ampie schiarite nel corso della mattinata, mentre al pomeriggio si attendono locali piogge o acquazzoni. Tempo asciutto in serata. . Temperature comprese tra +10°C e +22°C.

Lazio

Tempo in prevalenza stabile al mattino con cieli generalmente sereni o poco nuvolosi con nubi più compatte lungo la costa; locali piogge nel pomeriggio sulle aree interne, a carattere temporalesco sui rilievi e sul viterbese, più asciutto altrove. Residue piogge in serata a ridossi degli Appennini, migliora in serata.

Peggiora il tempo al nord Italia con deboli piogge sparse tra Piemonte, Lombardia ed Emilia al mattino, temporali diffusi al pomeriggio e più intensi sulle Alpi. Asciutto invece in Liguria e lungo le coste adriatiche. Possibili fenomeni anche in serata di debole o moderata intensità.

Giornata tipicamente primaverile al centro Italia con sole prevalente al mattino su tutte le regioni salvo qualche nube in transito e temporali pomeridiani sui settori interni. Sempre asciutto invece lungo le coste.

Giornata all' insegna del bel tempo al sud Italia con cieli sereni o poco nuvolosi fin dal mattino e durante la seconda parte della giornata Da segnalare soltanto la possibilità di locali acquazzoni o temporali pomeridiani sull' Appennino.

Temperature in aumento sia nei valori minimi che in quelli massimi.

Www.centrometeoitaliano.it

Categorie: RSS Tuscia

Il candidato Caprioli incontra gli abitanti del Quartaccio

10 min 4 sec fa
2019-05-23

CIVITA CASTELLANA - Ieri 21 maggio alle ore 18, presso la sala convegni dell’Aldero Hotel, il Candidato Sindaco di Civita Castellana Franco Caprioli, unitamente ai capolista di Lega Valerio Turchetti e di Fratelli d’Italia Alberto Cataldi ed al coordinatore della Lega Andrea Sebastiani, ha incontrato gli abitanti di Località Quartaccio per capire quali sono le problematiche che devono affrontare quotidianamente.

Queste le parole di Franco Caprioli: ''Noi siamo venuti qui perché, da cittadino come voi, in questi ultimi anni ho vissuto una sorta di immobilismo a Civita che ha portato a delle situazioni esasperanti. La facciata del palazzo comunale, che rappresenta il biglietto da visita della nostra città ed è indecorosa, è emblematica di come siamo ridotti. Sicuramente poi, con riferimento alle frazioni e alle zone periferiche come il Quartaccio, le esigenze sono ancora più evidenti e più marcate perché alcuni servizi essenziali ancora non sono efficienti o non sono mai entrati in funzione. Ad esempio, in questa zona pericolosissima dell’incrocio del Quartaccio manca l’illuminazione. Noi vorremmo sapere da voi cittadini quali sono le vostre esigenze, e poi sicuramente ci faremo portavoci presso gli Enti, perché c’è un intreccio di assunzioni di responsabilità che coinvolgono sia il Comune, che l’amministrazione provinciale, la Talete, la Snam, e quanto altro. Vorrei lasciare la parola a qualche vostro rappresentante per farvi rinnovare queste istanze, ricordarcele ed approfondirle, per cercare di affrontarle, perché in questi anni sono rimaste al palo''.

A questo punto è intervenuto Alessandro Perelli, membro del Comitato Quartaccio: ''Il nostro è un comitato che ha portato avanti alcune battaglie per questa zona. La prima è stata quella della realizzazione della rotatoria e, grazie ad Alberto Cataldi, abbiamo avuto l’opportunità di portare in Provincia e a conoscenza dell’Assessore alla Viabilità e del Presidente provinciale la pericolosità di questo incrocio, riuscendo a completare l’iter burocratico e attendendo ora la parte principale, ovvero la realizzazione effettiva. Il Quartaccio negli anni è stato completamente lasciato abbandonato; abbiamo avuto la realizzazione di una rete fognaria nel 2003-2004, che attualmente è ferma e comunque servirebbe non tutta la zona, ma una parte, in percentuale un 40% delle case presenti. Il problema è principalmente uno, ovvero che non ci sono le pendenze adatte, quindi abbiamo bisogno di una rivisitazione completa della rete fognaria per vedere dove devono essere collocate delle pompe di sollevamento, delle pompe di spinta, dove può confluire tutto il materiale. Con la giunta Angelelli le fognature sono entrate in disuso: attualmente sono ferme, non ci sono allacci fatti bene, ci sono infiltrazioni dentro, probabilmente manca il collegamento col depuratore… su quest’ultimo aspetto non abbiamo certezze. Ufficialmente, non esiste una delibera con l’autorizzazione ad allacciarsi o ad attivare la fognatura. Un altro problema è l’urbanizzazione: noi non abbiamo un’illuminazione; non ci sono marciapiedi, camminamenti; c’è una fermata dell’autobus completamente in mezzo alla strada, senza un posto sicuro in cui si possano fermare i ragazzini che vanno a scuola piuttosto che le persone che si spostano con i mezzi. La zona di Via Monte Filippetti addirittura non è servita da nulla: non ha acqua, se non quella dei pozzi; non ha la possibilità di allacciarsi sulla rete fognaria; non ha la rete internet ADSL''.

Carlo Angeletti, consigliere comunale della Lega, nei giorni scorsi, sensibilizzato dai residenti, ha presentato un’interrogazione comunale per avere delucidazioni in merito alla situazione della rete fognaria del Quartaccio, ed in particolare delle pompe di sollevamento: “Innanzitutto facciamo una premessa: l’opera è iniziata sotto l’amministrazione Giampieri, e poi doveva essere conclusa dalla giunta Angelelli; c’erano dei fondi a disposizione che non so perché non siano poi stati utilizzati. Detto questo, posso aggiungere che avevamo già fatto una prima interrogazione, per la quale abbiamo ricevuto risposte vaghe, quindi sono stato costretto a presentare un’ulteriore interrogazione per tornare a chiedere se ci fossero stati gli allacci e il responsabile dell’Area 4, Alessandro Maria Angeletti, che aveva preso il posto dell’Ingegner Tè, che aveva seguito la fase iniziale, mi ha risposto che non c’erano stati allacci, che erano state fatte domande per ben 27 allacci. Non ancora soddisfatti della risposta, qualche giorno fa abbiamo presentato un esposto al Comando unità forestali per verificare l’arte dei fatti, quindi siamo in attesa di informazioni in merito. Purtroppo questa trafila non ci stupisce, perché l’amministrazione Angelelli purtroppo, presumo anche in questa zona, è stata abbastanza latitante, non è che abbia fatto più di tanto; io ho ferme attualmente una trentina di risposte che non ho ancora ottenuto, con successivi ricorsi alla Procura della Repubblica”.

La conclusione dell’incontro è spettata al Candidato Sindaco Franco Caprioli: ''Parlando con i rappresentanti delle frazioni e delle varie località di Civita Castellana, ci siamo resi conto che abbiamo delle liste di cose da fare straordinarie. Le problematiche sono importanti e serie; è ovvio che noi ci incaricheremo di perorare e portare avanti queste problematiche. Ci sarà di dare un ordine di priorità, ascoltando voi cittadini relativamente a ciò che ritenete sia rilevante mettere in cantiere, e di intervenire, fermo restando che, senza fare allarmismi, la situazione del bilancio attuale è veramente grave. Qui non facciamo nessuna promessa di risolvere i problemi dall’oggi al domani; di sicuro quello che promettiamo è di prenderci in carico di valutare lo stato dell’arte, dov’è che si è impantanato il processo di realizzazione di queste opere e se l’impedimento è solo di ordine burocratico oppure materiale. Dobbiamo iniziare a fare qualcosa: se per 10 anni questa fognatura non ha funzionato, di certo qualcosa non ha funzionato perché, al di là delle disponibilità finanziarie, credo che non sia stata proprio presa in oggetto la problematica. Siamo tutti cittadini come voi, quindi sentiamo l’esigenza di fare qualcosa per tutti quanti, a prescindere che si abiti a Sassacci, a Borghetto, al Quartaccio, piuttosto che nella zona nuova di Civita o nel centro storico: siamo animati dalla stesso spirito che in questo momento possedete voi, circa l’esigenza di fare queste opere''.

Categorie: RSS Tuscia

Talete, Non ce la Beviamo: ''La misura è colma, i comitati pronti alla mobilitazione''

10 min 4 sec fa
2019-05-23

Riceviamo e pubblichiamo da P. Celletti e F. Lombardi per il Comitato Non Ce la Beviamo

VITERBO - A che gioco si divertono gli amministratori di Viterbo? Lo scaricabarile o il gioco delle tre carte ?

Solo cinque giorni fa il Comune di Viterbo, quale massimo azionista della Talete Spa , si è ''affannato'' a nominare un CdA anche al rischio di spaccare la maggioranza, e poi oggi pignora i conti della società? Ciò fa presupporre che già cinque giorni fa, ad un passo dalle elezioni amministrative, il giochetto era già stato studiato.

A chi richiede quei soldi che lo stesso Comune ha ''incautamente'' prestato alla Società sapendo bene che non possono essere restituiti? E' forse la manovra per regalare tutto il pacchetto del servizio idrico ad ACEA sotto una finta azione di risanamento pagata dai cittadini ?

Diviene oramai sempre più evidente la necessità di ritornare ad una politica seria e responsabile che affronti la gestione del servizio idrico nella nostra provincia. Nel frattempo il Comitato Non ce la Beviamo sta promuovendo in tutta la provincia iniziative contro la privatizzazione dell'acqua ed il superamento della Talete o di qualunque altra forma di Società per Azioni, costruendo un percorso condiviso con le comunità locali.

Le prime assemblee, Farnese e Gallese, ed il grande interesse e partecipazione al dibattito, dimostrano come la volontà dei cittadini sia determinata ad affermare che occorre sottrarre dalle logiche del mercato e del profitto la gestione di un bene comune che è pubblico per sua natura.

Le assemblee si sono espresse contro il modello di gestione Talete Spa e contro qualunque altro modello di gestione privatistica che estrometta la gestione del servizio idrico dal territorio e dalla comunità a cui appartiene.

Il Comitato Non ce la beviamo esprime la propria soddisfazione per la risposta che sta ottenendo nei vari paesi della provincia e ,insieme ai comitati che si stanno formando, lancia la proposta di un coordinamento provinciale di lotta in grado di costruire una forte mobilitazione capace di imporre l'attuazione della Legge 5 del 2014 per la ripubblicizzazione dell'acqua nel nostro territorio e il superamento di forme di gestione privatistiche come Talete o di qualunque altra Società di diritto privato.

La misura è, ormai, colma. Se la via intrapresa dalla politica locale è quella di percorrere ancora la strada della privatizzazione tradendo definitivamente la volontà dei cittadini, il Comitato è pronto alla mobilitazione con ogni forma di protesta, dalle manifestazioni in piazza, ai picchetti permanenti fino ad arrivare, se dovesse occorrere, ad atti pacifici ma di disobbedienza civile.

 

COMITATO NON CE LA BEVIAMO

Categorie: RSS Tuscia

Erbetti: ''Diciamo sì al vincolo dei 1600 ettari''

10 min 4 sec fa
2019-05-23

Riceviamo e pubblichiamo dal M5S Viterbo

VITERBO - Il M5S Viterbo voterà NO alla proposta di delibera di consiglio comunale sul vincolo dei 1.600 ettari perché il territorio va tutelato e salvaguardato, voteremo NO perché solo il M5S da anni è per il consumo zero del territorio, voteremo NO come votammo no (unici a farlo) al progetto delle terme del Paliano. Questo non perché contrari allo sviluppo termale nella nostra città ma perché contrari al tipo di sviluppo che oltre l’impianto termale prevedeva una enorme quantità di cemento a scopo residenziale, voteremo NO perché il vincolo proposto dal ministero tutelerà il nostro territorio, Viterbo ha una ricchezza immane, che porterà turismo e rivaluterà il nostro comune.

Tutti i partiti sia di maggioranza che di opposizione in questi ultimi tempi si sono scagliati contro questo vincolo come se fosse la madre di tutti i mali, ma non sono gli stessi che parlano di rilancio del turismo? e come pensano di rilanciare il turismo? Opponendosi al vincolo e cementificando? ma hanno letto le motivazioni del Ministero? Hanno capito quanta storia, quanta cultura e quanto ''oro'' c’è sui nostri territori? Forse è il caso di rinfrescare un po’ la memoria di tutti: la ''Dichiarazione di notevole interesse pubblico'' (a cura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali) denominata 'Dal Bullicame e Riello alle Masse di San Sisto' l'area in oggetto è caratterizzata da una straordinaria rilevanza storica, culturale e paesaggistica.

Quattro le componenti principali in cui è suddivisa la motivazione della Dichiarzione stessa:

il tessuto archeologico diffuso, formato da siti databili dalla preistoria al medioevo, di cui alcuni già sottoposti a vincolo, fra i quali si segnalano i nuclei sepolcrali scavati nel tufo della collina del Riello ed i resti della città romana di Sorrina Nova.

La permanenza della viabilità antica: un sistema di strade che mettevano in comunicazione i centri etruschi dell’area. Sono le cosiddette “vie cave” o “tagliate”, interamente scavate nei banchi di tufo. Fra queste da segnalare strada Freddano e “del Signorino”; quest’ultima con un lunghezza di oltre due chilometri e pareti alte fino a 10 metri.In epoche romane e medievali si svilupperà la via Cassia (poi Francigena) di cui è possibile ripercorrere parte dell'impianto originale con selciato ben conservato anche per lunghi tratti.

Il sistema termale: ovvero le sorgenti termo-minerali, utilizzate già dall’epoca etrusca e che conobbero grande sviluppo in epoca romana. Resti archeologici del periodo si trovano presso le zone termali denominate Masse di S. Sisto, degli Ebrei e delle Zitelle.

Fra i numerosi Illustri frequentatori delle zone termali del Viterbese si ricordano i papi Gregorio IX, Bonifacio IX,Niccolò V , Pio II. , Dante Alighieri, Michelangelo Buonarroti e Sebastiano del Piombo autore del dipinto 'la Deposizione' dove compaiono proprio le terme sullo sfondo. Ad oggi le sorgenti attive sono quelle del Bullicame, Carletti, delle Zitelle e Masse di S. Sisto, oltra a due impianti termali a gestione privata.

I casali rurali: fin da epoche remote la zona è stata sfruttata a fini agricoli, che ne hanno determinato una particolarità paesaggistica.

A partire dal XV secolo poi, si diffondono i caratteristici 'casali a torre' (torri che fungevano probabilmente da colombaie) che si inserivano armoniosamente nel contesto agreste. Il 'notevole interesse pubblico' tende a preservare queste testimonianze di antropizzazione antica.

Sempre nel documento ministeriale si possono trovare altri interessanti dati:

L'area è stata inserita, nel P.T.P.G. (Piano Territoriale Provinciale Generale) redatto dalla Provincia di Viterbo nel 2006, all'interno del Parco Archeologico Termale. Parco previsto ma non ancora istituito.

Ci sono poi stati nel corso del XX secolo degli interventi che hanno purtropo deturpato il paesaggio in oggetto. Come le due zone industriali di Ponte di Cetti e di località Bussete , l'aeroporto militare, le installazioni dell'esercito,la superstrada umbro- laziale 675 (che nella zona di interesse è edificata interamente su viadotti e terrapieni) .

Attualmente sono in atto trasformazioni edilizie diffuse, che hanno iniziato a insinuarsi all’interno delle parti più conservate, determinando in alcuni casi la formazione di zone di degrado (microdiscariche abusive di rifiuti diffuse), la rapida scomparsa di costruzioni rurali, in generale non sottoposte a provvedimenti di tutela specifica, sostituite da anonimi manufatti privi di qualità architettonica.

Negli ultimi anni il Comune di Viterbo ha redatto piani di sviluppo edilizio, in totale contrasto con le necessità della tutela archeologico- paesaggistica, e proposte di vaste lottizzazioni all’interno dell’area che si intende tutelare.

Alla luce di tutto ciò, l’inserimento all’interno del perimetro da tutelare anche di alcuni agglomerati edilizi periferici della città di Viterbo è motivato dalla assoluta necessità di controllare e indirizzare le fasi di sviluppo della città. Quello che a tutti sfugge, maggioranza e minoranze comprese è che dovrebbero ringraziare il Ministero per il vincolo invece di contrastarlo e poi, cosa più importante, dovrebbero spiegare ai cittadini per quale motivo le amministrazioni che si sono succedute hanno redatto piani di sviluppo edilizio IN TOTALE CONTRASTO con le necessità della tutela archeologico-paesaggistiche.. .forse contrastare il vincolo serve a distogliere l’attenzione dallo scempio attuato sul territorio?

 

Massimo Erbetti

Consigliere Comunale M5S

 

Categorie: RSS Tuscia

Tajani in visita al distretto ceramico di Civita Castellana

10 min 4 sec fa
2019-05-23

Riceviamo e pubblichiamo da F.Ciarlanti, coordinatore provinciale di Fi 

CIVITA CASTELLANA - Il Presidente Tajani non perde occasione per stare sul territorio ed, in particolare, nella provincia di Viterbo. Proprio ieri, infatti, accompagnato dal Senatore Battistoni, dal Senatore Gasparri e dal Coordinatore provinciale Bacocco, ha visitato un’importante realtà industriale del distretto ceramico di Civita Castellana, che vanta una produzione 100% made in Italy e che ha visto un notevole incremento di vendite grazie all’approvazione della normativa anti-dumping, promossa dall’europarlamentare di Forza Italia Salvatore Cicu, avvenuta sotto la sua Presidenza. A seguire, hanno voluto portare il loro sostegno alla candidatura a Sindaco di Civita Castellana per Forza Italia e UDC, di Domenico Parroccini, intervenendo all’incontro da lui promosso, così come a quella di Franco Vita a Nepi, partecipando all’evento organizzato dalla coordinatrice di Forza Italia e candidata al consiglio comunale, Annalisa Arcangeli.

In ogni occasione, ha ricevuto l’affetto dei tanti amici e cittadini intervenuti, la maggior parte dei quali non erano nuovi a queste presenze sul territorio del Presidente, ma che non hanno rinunciato ad incontrarlo, nuovamente, di persona.

Il suo impegno al Parlamento europeo, che lo ha portato ad essere il politico più influente d’Europa, con l’approvazione di oltre 180 nuove leggi europee, come quella della protezione dei diritti d’autore, il già citato anti-dumping o lo stop all’uso della plastica monouso, e quello che ha avvicinato di più le istituzioni ai cittadini, trova, sul territorio viterbese, pieno riscontro.

Per questo siamo certi che, il prossimo 26 maggio, vedrà tramutare il grande entusiasmo di ieri nella riconferma del suo mandato.

 

Il Coordinamento provinciale di Forza Italia

Categorie: RSS Tuscia

Arrivederci, al prossimo anno

10 min 4 sec fa
2019-05-23

di Francesca Cuccuini

VITERBO - Termina la stagione della Viterbese. Tra i silenzi e la delusione per la fine di un cammino che poteva essere ancora più lungo e glorioso. Finisce con la vittoria della prima coppa Italia e una rimonta quasi impossibile neanche sfiorata con l'Arezzo che passa al turno successivo dei play off.

Una qualificazione mai stata in bilico grazie alla prestazione dei padroni di casa che, seppur carichi, non si sono mai resi particolarmente pericolosi. E hanno chiuso il primo tempo a reti bianche subendo altri due goal oltre i tre dell'andata.

E' contento e senza voce l'allenatore dei toscani Alessandro Dal Canto: ''Abbiamo avuto degli accorgimenti nelle posizioni: sapevamo che Cutolo poteva rendersi pericoloso. Sono felice di aver vinto con personalità su un campo molto difficile. Ora l'obiettivo è talmente grosso che abbiamo molto da perdere, tanto quanto Pisa, Triestina e tutte le altre''.

Stessa gioia di Niccolò Belloni: ''Siamo venuti qua e ci siamo messi in testa di tirare fuori gli attributi e siamo stati premiati. La consapevolezza di partire con tre goal di vantaggio ci ha resi sicuramente più liberi''.

Mente libera da una parte e forse un peso troppo grande da sostenere dall'altra. Ma a Viterbo, ieri, chi ha vinto davvero è stato il tifo. L'unico che non ha mai lasciato spazio ai silenzi.

Categorie: RSS Tuscia

Scappano in quattro dalla casa protetta, trovato il terzo ragazzo

10 min 4 sec fa
2019-05-23

CELLENO - Scappano in quattro da una casa protetta, rintracciato il terzo fuggitivo. Si trovava a Lariano, in provincia di Roma. Il giudice ne ha disposto la custodia in carcere nell'istituto penale per minorenni di Casal Del Marmo. Manca ora all'appello il quarto.

Il 14 maggio quattro ragazzi tra i 17 e 18 anni si erano allontanati dalla casa protetta ''Villa Armonia'', a Celleno, dove erano ristretti per reati minori. Due di loro erano stati ritrovati nel pomeriggio dai carabinieri: uno a Porta Fiorentina, l'altro a Porta Romana subito dopo essere salito su un treno. Un 17enne, su mandato della Procura dei Minori, era stato arrestato e portato a Casal Del Marmo mentre l'altro ragazzo era stato riportato alla casa protetta.

Categorie: RSS Tuscia