Aggregatore di feed

Battistoni (FI): “Da Governo risposta tempestiva su peste suina”

News da Ontuscia.it - Sab, 22/01/2022 - 10:39

“Dal governo è arrivata una risposta concreta e tempestiva ad una delle emergenze più sentite dagli allevatori italiani da inizio anno, la peste suina africana”.
Commenta così, il sen. Francesco Battistoni, Sottosegretario al Mipaaf, l’approvazione del decreto legge “Sostegni -ter”.

“Il governo istituisce due fondi, stanziando complessivamente 50 milioni di euro, per tutelare gli allevamenti suinicoli dal pericolo di contagio e per ristorare quelle aziende che hanno subìto danni”, spiega Battistoni.

Continua la lettura di "Battistoni (FI): “Da Governo risposta tempestiva su peste suina”" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia

Viterbo, Istituto “Paolo Savi”: parte il percorso quadriennale

News da Ontuscia.it - Sab, 22/01/2022 - 10:34

Dall’anno scolastico 2022.2023, i nuovi iscritti all’Istituto “P. Savi” di Viterbo, potranno optare per il nuovo percorso quadriennale Sistemi Informativi Aziendali: unico nel Lazio e fra i pochissimi in Italia.

Si tratta di una sperimentazione, approvata dal Ministero dell’Istruzione, che permette di conseguire il diploma tecnico Amministrazione Finanza e Marketing – articolazione Sistemi Informativi Aziendali in quattro anni anziché cinque.

Una grande opportunità per gli studenti che in questo modo vengono ad essere allineati con gli allievi di tutte le scuole europee.

Continua la lettura di "Viterbo, Istituto “Paolo Savi”: parte il percorso quadriennale" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia

Green Pass: controlli alla Larus

News da viterbonews24.it - Sab, 22/01/2022 - 08:05
2022-01-22

VITERBO - (M.V.) E i carabinieri entrarono in palestra.

Una mattina come tante altre: gente che si allena agli attrezzi o sul tapis roulant, quando ad un certo punto tra le tute da ginnastica spuntano i pantaloni con la striscia rossa dei carabinieri.

Risale a ieri mattina, infatti, un controllo a sorpresa dei militari dell’Arma nella palestra del complesso Larus sport center di largo Veterani dello Sport.

I militari hanno provveduto a verificare i green pass sia della clientela che dei dipendenti della struttura, ma sull’esito dei controlli non è trapelato nulla. Di certo c’è solo il fatto che la visita della Benemerita ha generato inquietudine tra i presenti, tanto che la notizia si è diffusa rapidamente via social.

In questi giorni con l’entrata in vigore delle nuove disposizioni anti covid del Governo, i controlli delle forze di polizia non solo nelle strutture sportive ma anche nelle altre attività del territorio si sono moltiplicati.

Categorie: RSS Tuscia

Sicurezza strade ed edifici pubblici, fondi statali per sette piccoli comuni

News da viterbonews24.it - Sab, 22/01/2022 - 08:05
2022-01-22

VITERBO - Latera, Lubriano, Onano, Proceno, Tessennano, Arlena di Castro, Calcata.

Sono sette i comuni della provincia di Viterbo a cui arriverà un contributo statale di circa 84mila euro ''per la realizzazione di investimenti per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale e per l’abbattimento delle barriere architettoniche, nonché per gli interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile, per l'anno 2022''.

Si tratta di una misura studiata ad hoc per i piccoli comuni. Il decreto con l’attribuzione delle risorse è stato adottato dal Ministero dell’Interno il 18 gennaio. Sono 168 i milioni di euro che verranno destinati ai 1.996 comuni italiani con popolazione inferiore a 1.000 abitanti per un importo per tutti uguale, pari a 84.168,33 euro. Il testo è ora in corso di pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale.

Il provvedimento è previsto dall'articolo 30, comma 14-bis, del decreto legge 30 aprile 2019 n. 34 convertito dalla legge 28 giugno 2019 n. 58, così come sostituito dall'articolo 51, comma 1, lettera a), del decreto legge 14 agosto 2020 n. 104 convertito dalla legge 13 ottobre 2020 n. 126.

Gli enti beneficiari sono tenuti ad iniziare l'esecuzione dei lavori entro il 15 maggio 2022, a pena di decadenza e, nei casi di mancato rispetto dello stesso termine o di parziale utilizzo, è prevista la revoca del contributo, in tutto o in parte, con successivo decreto ministeriale.

Categorie: RSS Tuscia

Viterbese a Cesena per raccogliere punti

News da viterbonews24.it - Sab, 22/01/2022 - 08:05
2022-01-22

VITERBO - ''Siamo riusciti a lavorare con continuità in questo periodo e siamo soddisfatti sapendo che saràun giroe di ritorno complesso per raccogliere quanti più punti  possibile'', ha affermato mister Francesco Punzi alla vigilia del ritorno in campo per la Viterbese. I gialloblù saranno ospiti del Cesena per iniziare il nuovo cammino  per raggiungere la salvezza. Si ripartirà dai nuovi innesti portati dal Ds Marianoo Fernandez. 

Questi i convocatti per il match: Bisogno, Daga, Fumagalli, D'Ambrosio, Fracassini, Martinelli, Pavlev, Ricci, Semenzato, Urso, Adopo, Alberico, Calcagni, Foglia, Iuliano, Bianchimano, Simonelli, Volpe, Volpicelli.

 

Comincia il girone di ritorno anche per l'Active Network Futsal, campione d'inverno. Al Palacus, alle ore 16.00, arriva lo Sporting Sala Consilina.Ecco le parole di Mister David ceppi, alla vigilia del match: ''E' una squadra che ha cambiato molto dal girone di andata. Trovo che si sia migliorata moltissimo, in quanto a rosa, al momento la considero inferiore solamente a Ecocity e Pomezia perchè ha acquisito giocatori di grande esperienza e spessore: è tra le prime quattro forze del campionato''.

Per i viterbesi un'assenza importante: ''Sarà una gara difficile anche perchè al momento noi siamo primi in classifica, quindi, tutte le squadre verranno con l'obiettivo di fare risultato perchè contro i primi ci si mette sempre qualche energia in più. Inoltre abbiamo Romano squalificato e Lepadatu non al pieno della forma già da qualche partita''.

Categorie: RSS Tuscia

''Covid e Dad: i dirigenti scolastici fanno il massino''

News da viterbonews24.it - Sab, 22/01/2022 - 08:05
2022-01-22

VITERBO - ''Mi preme prendere posizione a tutela del ruolo dei dirigenti scolastici e della scuola in generale nel far fronte al momento difficilissimo che si sta vivendo con i contagi tra gli studenti, un quarto del totale dei positivi quasi ogni giorni in provincia di Viterbo e una percentuale alta di classi in quarantena. La ricostruzione apparsa su un quotidiano nazionale che vorrebbe i presidi inerti nel far partire la Dad e addirittura protagonisti di uno scaricabarile ai danni delle Asl, mi sembra infondata e lontana dalla realtà. Lo dico sia da amministratore che da genitore.

Proprio in queste ore, come capita in tantissime famiglie, ho visto arrivare in casa il virus, con altissima probabilità proveniente proprio dalla scuola. Ebbene: le notizie si rincorrono, i casi di positività in crescita costante e quotidiana, ma le comunicazioni e il coordinamento del cambiamento della tipologia di lezione sono costanti, precisi e gestiti anche con una prontezza di spirito che è degna di nota. Ci sono stati nel corso della pandemia momenti in cui realmente le cose non funzionavano, situazioni al limite del “fuori controllo”, ma non all’indirizzo delle scuole. Lo sport tanto in voga oggi di trovare sempre qualcuno da trucidare e sbattere in prima pagina e quasi sempre prendersela con chi è in prima fila per i nostri figli lo trovo inopportuno e colpevole.

Una riflessione, invece, sempre in senso costruttivo, l’avrei fatta anche a livello di sistema locale, non a caso la sera prima della ripartenza delle scuole i dubbi sul mantenerle chiuse aumentavano. Forse prevedere un rientro a scuola chiedendo a tutti gli studenti un tampone almeno antigenico a scopo preventivo avrebbe impedito questa intensità del proliferare di casi, ma detto questo dobbiamo portare rispetto per le persone che sono state gettate in prima linea e che con la massima professionalità rispondono ai nostri figli, garantendone un presente e un futuro che sia il migliore possibile''.

Luisa Ciambella

Categorie: RSS Tuscia

Rinviato il match tra Flaminia e Arezzo

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 20:05
2022-01-21

CIVITA CASTELLANA - Poche ore fa, la lega, ha comunicato che la gara tra Flaminia Civita Castellana e Arezzo, come da richiesta, è stata rinviata a data da destinarsi.

Categorie: RSS Tuscia

Fusco: ''Richiesta urgente di consiglio comunale straordinario sulle misure adottate per ...

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 20:05
2022-01-21

VITORCHIANO - Emergenza Covid, salgono i contagi e sale anche la preoccupazione della cittadinanza: la morsa del virus ancora non allenta e le amministrazioni locali sono nuovamente chiamate a scendere in prima linea nel porre un argine al dilagare dell'infezione, sulla scia delle norme nazionali. Per tale motivo, per tenere alta l'attenzione, e portare anche un fattivo contributo all'attività comunale a sostegno della cittadinanza, con i consiglieri Lucia Olivieri, Alessio Marzo e Claudio Centola abbiamo inoltrato una richiesta urgente per un consiglio comunale straordinario in cui chiediamo al Sindaco di riferire sulle 'procedure e sulle misure poste in essere in riferimento all'emergenza Covid, considerati anche i contagi presso le scuole del comune di Vitorchiano'.

Sen. Umberto Fusco

Consigliere comunale Vitorchiano

 

Categorie: RSS Tuscia

Rifiuti radioattivi, Panunzi: 'La Regione Lazio ha presentato ulteriori osservazioni per ...

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 20:05
2022-01-21

VITTERBO - 'La Regione Lazio ha presentato ulteriori osservazioni per ribadire la contrarietà al deposito dei rifiuti radioattivi nella Tuscia'. Lo comunica il consigliere regionale del Pd Enrico Panunzi. Il documento, a firma dell'assessore regionale Massimiliano Valeriani, è stato inviato con pec e secondo le modalità previste dalla normativa, entro il termine del 15 gennaio.

'Il documento si articola in cinque punti, con una serie di note e allegati aggiuntivi – prosegue il vice presidente della X commissione -. Si sottolinea come la provincia di Viterbo abbia una forte vocazione agricola e turistica, presenti numerosi vincoli archeologici e paesaggistici e altre caratteristiche che la rendono non idonea a ospitare il sito di stoccaggio selle scorie radioattive. Inoltre, il Piano regionale di gestione dei rifiuti e il Piano territoriale paesistico regionale non individuano luoghi adatti ad accogliere un deposito unico'.

Con riferimento agli aspetti più tipici del paesaggio e della valorizzazione dei suoli agricoli destinati a colture di pregio, la Regione Lazio, prima in Italia, ha approvato la legge 11 del luglio 2019, con primo firmatario il consigliere regionale Enrico Panunzi, per l'istituzione e il riconoscimento dei biodistretti. Al riguardo, nella Tuscia, con la delibera di Giunta Regionale 737 dell'ottobre 2019, è stato riconosciuto il biodistretto Via Amerina e delle Forre, avente come ambito territoriale i comuni di Calcata, Canepina, Castel Sant'Elia, Civita Castellana, Corchiano, Fabrica di Roma, Faleria, Gallese, Nepi, Orte, Vallerano, Vasanello e Vignanello. Il biodistretto della Via Amerina e delle Forre nasce dall'esperienza di importanti aziende che hanno fatto la storia dell'agricoltura biologica laziale.

 

Per il rilancio delle aree interne e dei centri minori, la Strategia nazionale per le aree interne (Snai), proposta dal Dipartimento per lo sviluppo e la coesione territoriale (Dps) e contenuta nell'accordo di partenariato 2014-2020, ha previsto interventi volti ad assicurare livelli adeguati dei servizi essenziali alla popolazione e progetti per la promozione dello sviluppo locale, finanziati attraverso le risorse regionali disponibili e i Fondi SIE della programmazione regionale 2014-2020 (POR FESR e FSE, PSR FEASR). Dall'agosto 2013 è stato così avviato un processo che ha portato, con la deliberazione della Giunta Regionale 477 del 17 luglio 2014, all'individuazione dell'area 'Alta Tuscia Antica città di Castro', comprendente Acquapendente, Arlena di Castro, Canino, Capodimonte, Cellere, Farnese, Gradoli, Grotte di Castro, Ischia di Castro, Latera, Marta, Montalto di Castro, Onano, Piansano, Proceno, San Lorenzo Nuovo, Tessennano, Tuscania, Valentano e la Comunità Montana 'Alta Tuscia Laziale'.

Nella scelta dei siti potenzialmente idonei non si è tenuto conto né dei criteri localizzativi del Piano regionale di gestione dei rifiuti, né delle previsioni del Piano territoriale paesistico regionale. L'inadeguatezza delle vie di comunicazione primarie e delle infrastrutture di trasporto costituisce un ulteriore motivo per rafforzare la contrarietà alla localizzazione del deposito nella provincia di Viterbo. Nella scelta dei siti potenzialmente idonei non si è adeguatamente considerato il Documento ISPRA – guida tecnica n. 29 recante 'Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività'.

'L'individuazione nella provincia di Viterbo del deposito – conclude il consigliere regionale Panunzi - sarebbe in netto contrasto con le politiche portate avanti in questi anni dalla Regione Lazio per la valorizzazione e la promozione delle eccellenze agricole, culturali e ambientali del nostro territorio. La Tuscia non può ospitare il sito di stoccaggio dei rifiuti radioattivi'.

 

Categorie: RSS Tuscia

Vitorchiano, Fusco: «Richiesta urgente di consiglio comunale straordinario sulle misure adottate per emergenza Covid»

News da Ontuscia.it - Ven, 21/01/2022 - 17:28

«Emergenza Covid, salgono i contagi e sale anche la preoccupazione della cittadinanza: la morsa del virus ancora non allenta e le amministrazioni locali sono nuovamente chiamate a scendere in prima linea nel porre un argine al dilagare dell’infezione, sulla scia delle norme nazionali.

Per tale motivo, – afferma il Sen. Umberto Fusco, Consigliere comunale Vitorchiano, – per tenere alta l’attenzione, e portare anche un fattivo contributo all’attività comunale a sostegno della cittadinanza, con i consiglieri Lucia Olivieri, Alessio Marzo e Claudio Centola abbiamo inoltrato una richiesta urgente per un consiglio comunale straordinario in cui chiediamo al Sindaco di riferire sulle “procedure e sulle misure poste in essere in riferimento all’emergenza Covid, considerati anche i contagi presso le scuole del comune di Vitorchiano”».

Continua la lettura di "Vitorchiano, Fusco: «Richiesta urgente di consiglio comunale straordinario sulle misure adottate per emergenza Covid»" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia

Regione: 10 mln di Euro per il Bando Lazio Km0

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 17:05
2022-01-21


VITERBO - Al via la seconda edizione del bando Bonus Lazio KM0. A presentarne il contenuto questa mattina, al Museo della cucina di Roma, il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti insieme all’Assessora regionale all’Agricoltura, Foreste, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Pari Opportunità, Enrica Onorati, e all’Assessore Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Università, Ricerca, Start-Up e Innovazione, Paolo Orneli.

Presenti in sala la chef stellata Iside De Cesare e i rappresentanti delle associazioni di categoria e del mondo imprenditoriale.

 “La nuova edizione del bando Bonus Lazio km0 a favore della filiera agroalimentare regionale – ha dichiarato il presidente Zingaretti - è un’importante misura per sostenere le attività di somministrazione, commerciali e artigianali, oltre alla filiera agricola del nostro territorio. Dieci milioni per rimborsare fino al 50 per cento ristoranti, bar, pasticcerie, tutti coloro che lavorano il cibo, per l'acquisto di prodotti del Lazio a km 0. E' una bella sperimentazione, un modo per aiutare l'economia, andando dalla terra che produce, fino alle tavole dei ristoranti delle nostre cittá. E' un'altra misura - ha concluso Zingaretti - che prendiamo per uscire dal Covid, salvando vite umane ma anche salvando il lavoro e le imprese. E' una sperimentazione unica, di chi non si vuole arrendere'.

 'Questa seconda edizione si basa su tre punti cardine: fiducia nella filiera agroalimentare, reciprocità come conoscenza del territorio e distintività per accrescere il made in Lazio. Siamo fiduciosi nella ripresa post Covid del Paese e questa nuova edizione deve essere proprio la spinta alla ripresa, la spinta verso le nostre filiere e aziende a cui saremo accanto e aiuteremo il made in Lazio a internazionalizzarsi'. Ha dichiarato l’assessora all’agricoltura Enrica Onorati.

'Dobbiamo migliorare la filiera agroalimentare, rendere il Lazio uno dei leader mondiali in questo campo per tornare a crescere con un nuovo modello di sviluppo che mette al centro la sostenibilità e la bellezza. Dobbiamo prendere coscienza del fatto che la filiera enogastronomica è uno strumento per fare marketing e rendere attrattivo il nostro territorio. Per questo vogliamo mettere a disposizione i Fondi europei dove tutti, produttori, imprenditori e artigiani, possano rispondere alla grande richiesta di Made in Italy che c’è nel mondo'. Ha spiegato l’assessore allo Sviluppo Economico Paolo Orneli.

 Il bando che sarà online da lunedì 7 febbraio (www.regione.lazio.it/BONUSLAZIOKM0) prevede un contributo a fondo perduto a titolo di rimborso pari al 50% della spesa effettuata per l’acquisto di prodotti laziali DO, IG e PAT (elencati nel testo del bando), latte fresco bovino del Lazio, acque minerali e birre artigianali prodotte e imbottigliate nel Lazio.

L’importo del contributo varia da un minimo di 1.000 euro, a fronte di una spesa di almeno 2.000 euro, a un massimo di 10.000 euro per una spesa pari ad almeno 20.000 euro.

 Gli aiuti sono concessi in regime di “de minimis” nei limiti previsti dalla normativa europea in materia di aiuti e alla disciplina sugli aiuti di Stato. I contributi ‘de minimis’ sono aiuti di piccola entità che possono essere concessi alle imprese senza violare le norme sulla concorrenza.

 L’acquisto deve essere dimostrato mediante la presentazione delle relative fatture, in cui devono essere correttamente indicati i prodotti con la loro denominazione.

Il Bando è del tipo “a sportello”, ovvero le domande pervenute regolarmente e ritenute ammissibili saranno valutate e liquidate fino alla concorrenza del plafond economico. Le domande devono essere presentate esclusivamente attraverso la procedura telematica, compilando il modulo online e allegando la documentazione richiesta nel bando. Sarà consentito presentare fino a un massimo di due domande, riferite ad acquisti differenti e sino al raggiungimento dell’importo massimo concedibile per singola impresa. Ognuna delle due domande potrà riportare un massimo di quattro fatture.

 I beneficiari sono imprese con sede nel Lazio che abbiano come attività primaria uno dei 38 codici ATECO elencati nel bando, che comprendono attività di ristorazione (ristoranti, bar, pasticcerie, gelaterie, ristorazione ambulante), alloggio (alberghi, agriturismi), produzione alimentare (panetteria, pasticceria, gelati), commercio al dettaglio di alimenti e bevande:

- 56.10.11 - Ristorazione con somministrazione;

- 56.10.12 - Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole;

- 56.10.20 - Ristorazione senza somministrazione con preparazione di cibi da asporto;

- 56.10.30 - Gelaterie e pasticcerie;

- 56.10.41 - Gelaterie e pasticcerie ambulanti;

- 56.10.42 - Ristorazione ambulante:

- 56.10.50 - Ristorazione su treni e navi;

- 56.21.00 - Catering per eventi, banqueting;

- 56.29.10 - Mense;

- 56.29.20 - Catering continuativo su base contrattuale;

- 56.30.00 - Bar ed altri esercizi simili senza cucina;

- 55.10.00 - Alberghi;

- 55.20.52 - Attività di alloggio connesse alle aziende agricole;

- 10.71.10 - Produzione di prodotti di panetteria freschi;

- 10.71.20 - Produzione di pasticceria fresca;

- 10.72.00 - Produzione di fette biscottate, biscotti, prodotti di pasticceria conservati;

- 10.73.00 - Produzione di paste alimentari, di cuscus e di prodotti farinacei simili;

- 10.52.00 - Produzione di gelati senza vendita diretta al pubblico;

- 47.11.10 - Ipermercati;

- 47.11.20 - Supermercati;

- 47.11.30 - Discount di alimentari;

- 47.11.40 - Minimercati ed altri esercizi non specializzati in alimentari vari;

- 47.11.50 - Commercio al dettaglio di prodotti surgelati;

- 47.21.01 - Commercio al dettaglio di frutta e verdura fresca;

- 47.21.02 - Commercio al dettaglio di frutta e verdura preparata e conservata;

- 47.22.00 - Commercio al dettaglio di carni e prodotti a base di carne;

- 47.23.00 - Commercio al dettaglio di pesci, crostacei e molluschi;

- 47.24.10 - Commercio al dettaglio di pane;

- 47.24.20 - Commercio al dettaglio di torte, dolciumi, confetteria;

- 47.25.00 - Commercio al dettaglio di bevande;

- 47.29.10 - Commercio al dettaglio di latte prodotti lattiero-caseari;

- 47.29.20 - Commercio al dettaglio di caffè torrefatto;

- 47.29.30 - Commercio al dettaglio di prodotti macrobiotici e dietetici;

- 47.29.90 - Commercio al dettaglio di altri prodotti alimentari in esercizi specializzati nca

- 47.81.01 - Commercio al dettaglio ambulante di prodotti ortofrutticoli;

- 47.81.02 - Commercio al dettaglio ambulante di prodotti ittici;

- 47.81.03 - Commercio al dettaglio ambulante di carne;

- 47.81.09 - Commercio al dettaglio ambulante di altri prodotti alimentari e bevande nca.

Categorie: RSS Tuscia

Inchiesta sui compro oro: un arresto anche nel Viterbese

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 17:05
2022-01-21

VITERBO - Ha toccato anche la provincia di Viterbo l'inchiesta sui compro oro della Guardia di Finanza di Como. In particolare un arresto è stato eseguito nella Tuscia con il supporto dei finanzieri di Viterbo.

Nelle prime ore di oggi, infatti, i finanzieri della compagnia della guardia di finanza di Olgiate Comasco, all’esito di una prolungata attività investigativa, svolta sotto il coordinamento della procura della repubblica di Como, hanno eseguito, nelle provincie di Como, Novara, Milano e Viterbo, una misura cautelare personale in carcere, emessa dal gip del tribunale lariano, nei confronti di 3 cittadini italiani procedendo altresì al sequestro di beni e valori per un ammontare complessivo di oltre 383mila euro” si legge nella nota delle fiamme gialle.

In particolare le indagini sono iniziate all’esito delle quotidiane operazioni di monitoraggio svolte dalla compagnia olgiatese nei confronti degli esercenti compro oro e hanno portato alla scoperto l’esistenza di un collaudato sistema di frode fiscale, basato sullo sfruttamento di diverse società cooperative, ritenute inesistenti e del tutto prive di consistenza patrimoniale, che hanno risposto all’unico scopo di emettere fatture false nei confronti di un’impresa, operante nel settore dei metalli preziosi.

Tale meccanismo ha permesso agli indagati di abbattere il reddito imponibile in capo ad una società e, contestualmente, di drenare le risorse finanziarie, giacenti sui conti correnti, cagionando lo stato di dissesto della stessa impresa.

I fondi, una volta distratti, sono stati reimmessi nella disponibilità degli amministratori di fatto e di diritto, destinatari di misura cautelare ed impiegati nell’acquisto anche di beni di lusso ed immobili di pregio.

Il gip presso il tribunale di Como, su richiesta del pubblico ministero, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dei suddetti tre soggetti, nei confronti dei quali, fermo restando la presunzione d’innocenza per i fatti penalmente rilevanti, è stato disposto il sequestro dei beni, posti nella propria disponibilità, tra cui, saldi di conto corrente ed un immobile ad uso residenziale di rilevante pregio.

Categorie: RSS Tuscia

'Lo sport come cura alla dipendenza dai social'

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 17:05
2022-01-21

VITERBO - Riprende a pieno ritmo l'attività di Media Education portata avanti dal Corecom Lazio con il coinvolgimento delle scuole del territorio regionale.

Il primo appuntamento del 2022, dal titolo 'Lo sport come cura a dipendenza da Internet e social' si è tenuto questa mattina in videoconferenza dal Consiglio Regionale del Lazio.

L'incontro, patrocinato dall'Ufficio Scolastico Regionale del Lazio, ha visto la partecipazione di Pasquale Ciacciarelli, Presidente della III Commissione del C.R.L., di Michela Di Biase dell'Ufficio di Presidenza del C.R.L., di Massimiliano Maselli, Vicepresidente della XI Commissione del C.R.L., di Emiliano Farascioni della Polizia Postale e di Fabio Pagliara della Fondazione 'Sport City'.

 

La Presidente del Corecom Lazio, Maria Cristina Cafini, ha aperto i lavori mettendo in evidenza che 'La dipendenza da Internet e dai social sta diventando un problema di salute e generazionale, la maggioranza dei ragazzi passa molte ore al giorno davanti agli schermi degli smartphone, e sempre più spesso questa dipendenza è correlata ad un aumento dell'aggressività, dell'ansia, dello stress, con effetti negativi sul rendimento scolastico'.

La Consigliera del Corecom Lazio Iside Castagnola ha sottolineato come 'lo sport sia il connettore sociale più idoneo ad abbinare tecnologia, percorsi di educazione alimentare e stili di vita sani'.

Subito dopo ha preso la parola il Presidente Ciacciarelli che ha incentrato il suo intervento sul paradigma 'Lo sport è vita'. 'Fare sport regolarmente – ha dichiarato – permette di migliorare l'umore e diminuire i livelli di stress; in poche parole, sport è felicità. In un mondo sempre più virtuale, è importante infondere nei ragazzi queste nozioni, soprattutto alla luce del periodo pandemico che ha ridotto in casa milioni di adolescenti con la Dad. È fondamentale dunque arrivare a più ragazzi possibile con campagne di sensibilizzazione che mirino proprio a questo'.

'Le nuove tecnologie – ha poi affermato la Consigliera Di Biase – hanno portato a un cambiamento significativo nella vita di tutti noi. È importante insegnare ai ragazzi ad acquisire una buona educazione digitale e, al contempo, spronarli verso relazioni sociali vere e non solo virtuali, anche attraverso lo sport e l'attività fisica che rappresentano per loro sane opportunità di incontro, socializzazione e crescita'.

Il Consigliere Maselli, ha sottolineato come durante il lockdown 'la consapevolezza del problema della dipendenza da internet e più in generale dai social è cresciuta in maniera esponenziale. La pratica di un'attività sportiva, per i valori educativi e sociali che lo sport dovrebbe avere, può rappresentare un argine ad un uso esagerato di questi mezzi, ma serve maggiore impegno da parte delle istituzioni che devono investire sempre di più con politiche di sostegno alla famiglia, all'istruzione e alla diffusione dello sport.'

 

 

Categorie: RSS Tuscia

Monterosi Tuscia Fc 'adotta' la Blu Star: calcio, inclusione e amicizia

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 17:05
2022-01-21

MONTEROSI - Ci saranno anche i colori biancorossi per la stagione 2021/2022 sui campi delle competizioni ufficiali della Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale della FIGC, prima Federazione sportiva al mondo ad aver istituito al suo interno una Divisione che si occupa dell'organizzazione e promozione dell'attività calcistica per persone con disabilità e patologie psichiatriche. Grazie ad un Protocollo d'Intesa tra FIGC e CIP ( Comitato Italiano Paralimpico) ed alla collaborazione sin dall'inizio con le principali componenti del mondo del calcio, i club professionistici possono 'adottare' una società affiliata alla Dcps attraverso la quale portare avanti un messaggio di integrazione sociale e di amicizia oltre a vivere la passione condivisa per il calcio.

Il Monterosi Tuscia Fc ha creato questa sinergia con la Blu Star, per un'iniziativa che vuole essere un'esperienza unica di integrazione e interazione, di progetti condivisi e di messaggi positivi da trasmettere insieme perché tutti parte di una stessa famiglia.

'Il rispetto è una regola non scritta, ma che per noi ha un valore esponenziale – ha detto il patron biancorosso Luciano Capponi -. Siamo consapevoli che il diverso nasce ogni volta che nasce un uomo e anche questo è una dimensione non regolamentata, non percepita e, specialmente, non compresa. È evidente che la nostra attenzione nei confronti del mondo della disabilità si fregia della stessa attenzione e dell'identico rispetto che merita qualunque essere umano. Non è quindi una graduatoria di merito a creare gerarchie fatiscenti, ma piuttosto, un abbraccio umano di intensa fraternità'.

 

La Blu Star 'ante litteram' nasce nel 2001 grazie alla lungimiranza di due neuropsichiatri che trovano subito terreno fertile tra gli operatori, i ragazzi del centro diurno e le loro famiglie: con un pallone tra i piedi è subito felicità. Nel 2008 con l'adesione al Comitato Paralimpico inizia un percorso riabilitativo, tecnico e inclusivo che porterà a disputare poi il primo torneo ufficiale del progetto sociale 'Quarta Categoria- calcio e disabilità':

'Siamo lieti di far parte di questo progetto con la squadra del Monterosi Tuscia FC. – spiega Sonia Bellaveglia, educatore -. Il gruppo calcio si rivela un'esperienza educativa importante per la formazione e il cammino di ogni partecipante. Ogni conquista sul campo rappresenta una nuova conquista fuori dal campo e facilita il percorso verso l'autonomia personale. L'attività di calcio abbraccia in effetti non solo aspetti d'ordine ludico-sportivo e di socializzazione ma, nella maggioranza dei casi in maniera prevalente, si pone come obiettivo il potenziamento delle autonomie sociali e psicologico-relazionali, la crescita dell'autostima e di una maggiore sicurezza, rappresentando la base di una forte e sinergica integrazione tra aspetti riabilitativi e sociali. Questo progetto continua quindi il suo sviluppo, insieme alle persone che ne fanno parte, operatori e utenti, che mettono in campo le proprie potenzialità e contribuiscono a far crescere la Blue Star'.

Un grazie enorme, grande quanto la sensibilità che ha dimostrato, va a Gianluca Pavanello, CEO di Macron, sponsor tecnico del Monterosi Tuscia Fc, che ha voluto partecipare a questa iniziativa fornendo gratuitamente il materiale tecnico e il kit gara. 'Macron da sempre crede che lo sport sia per tutti e che l'attività sportiva sia fondamentale per crescere come atleti e come uomini. Siamo onorati e orgogliosi di essere parte attiva in progetti come questo del Monterosi Tuscia FC. Integrazione, inclusione, condivisione sono tutti valori che rappresentano il nostro DNA come azienda, ma soprattutto come singoli individui che quotidianamente si impegnano per far vivere al meglio e a tutti la passione per lo sport. La forza dello sport è quella di abbattere le barriere. Nello sport non esiste diversità, esiste la gioia di stare insieme e condividere un obiettivo. La gioia e il sorriso che vedremo sui volti degli atleti della Blu Star saranno la prima di tante grandi vittorie'.

Nelle prossime settimane il Monterosi Tuscia Fc e Macron consegneranno il materiale tecnico alla Blu Star per poter disputare le competizioni ufficiali DCPS con il logo dei biancorossi.

 

Categorie: RSS Tuscia

Covid, 783 nuovi casi. Deceduti quattro pazienti

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 17:05
2022-01-21


VITERBO - 783 casi accertati di positività al COVID-19 sono stati comunicati, entro le ore 11, al Team operativo Coronavirus della Asl di Viterbo.

 Gli ultimi referti di positività sono collegati a tamponi eseguiti su cittadini residenti o domiciliati nei seguenti comuni:

204 a Viterbo,
43 a Vetralla,
34 a Montalto di Castro,
34 a Montefiascone,
27 a Civita Castellana,
25 a Nepi,
24 a Orte,
23 a Fabrica di Roma,
23 a Tarquinia,
23 a Tuscania,
21 a Vitorchiano,
19 ad Acquapendente,
19 a Sutri,
18 a Ronciglione,
16 a Gallese,
16 a Soriano nel Cimino,
15 a Capranica,
15 a Vignanello,
14 a Marta,
13 a San Lorenzo Nuovo,
13 a Vallerano,
12 a Caprarola,
9 a Canepina,
9 a Faleria,
8 a Bassano Romano,
8 a Bolsena,
8 a Corchiano,
7 a Calcata,
7 a Monterosi,
7 a Valentano,
6 a Canino,
6 a Graffignano,
5 a Villa San Giovanni in Tuscia,
4 a Capodimonte,
4 a Blera,
4 a Castel Sant'Elia,
4 a Piansano,
3 a Bomarzo,
3 a Onano,
3 a Oriolo Romano,
3 a Vasanello,
2 a Bagnoregio,
2 a Barbarano Romano,
2 a Grotte di Castro,
2 a Ischia di Castro,
2 a Lubriano,
2 a Monte Romano,
2 a Proceno,
2 a Tessennano,
1 a Bassano in Teverina,
1 a Carbognano,
1 a Castiglione in Teverina,
1 a Celleno,
1 a Cellere,
1 a Civitella d'Agliano,
1 a Farnese,
1 a Gradoli.


 

Dei casi odierni, 6 persone sono attualmente ricoverate presso l'ospedale Belcolle, 777 stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio.

 In totale, alle ore 11 di questa mattina, i casi di positività al COVID-19, residenti o domiciliati nella Tuscia, salgono a 35027.

La Asl, con estremo rammarico, comunica inoltre il decesso di 4 pazienti: una cittadina di 73 anni residente nel comune di Vitorchiano, 1 cittadina di 93 anni residente nel comune di Capodimonte, 2 cittadini di 90 e 85 anni, residenti nel comune di Viterbo.

 Oggi è stata comunicata ai soggetti istituzionalmente competenti la fine del periodo di isolamento o la negativizzazione dal COVID-19 di 339 pazienti residenti nei seguenti comuni: 71 a Viterbo, 20 a Tarquinia, 19 a Fabrica di Roma, 14 a Civita Castellana, 14 a Vetralla, 12 a Sutri, 11 a Montalto di Castro, 11 a Montefiascone, 9 a Bassano Romano, 9 a Nepi, 9 a Tuscania, 9 a Vignanello, 8 a Bagnoregio, 7 a Orte, 6 a Bolsena, 6 a Capranica, 6 a Corchiano, 6 a Marta, 6 a Monte Romano, 6 a Ronciglione, 6 a Vasanello, 6 a Vitorchiano, 5 a Gallese, 4 a Faleria, 4 a Lubriano, 4 a Soriano nel Cimino, 4 a Valentano, 3 a Bomarzo, 3 a Capodimonte, 3 a Graffignano, 3 a Ischia di Castro, 3 a Oriolo Romano, 3 a Piansano, 3 a Vejano, 2 ad Acquapendente, 2 ad Arlena di Castro, 2 a Canepina, 2 a Caprarola, 2 a Carbognano, 2 a Castiglione in Teverina, 2 a Grotte di Castro, 2 a Monterosi, 2 a San Lorenzo Nuovo, 2 a Vallerano, 1 a Bassano in Teverina, 1 a Blera, 1 a Canino, 1 a Celleno, 1 a Onano, 1 a Villa San Giovanni in Tuscia.

 Al momento, delle persone refertate positive al Coronavirus, 34 sono attualmente ricoverate nel reparto di Malattie infettive, 5 presso la Terapia intensiva COVID, 12 presso Medicina COVID, 9725 stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio. Sale a 24755 il numero delle persone negativizzate, 496 sono le persone decedute. Dall'inizio dell'emergenza COVID, nella provincia di Viterbo sono stati effettuati 275338 tamponi, 1983 nelle ultime 24 ore. Ad oggi i cittadini che hanno concluso il periodo di isolamento domiciliare fiduciario sono 31153.

Categorie: RSS Tuscia

Sono più di 2mila le imprese nate nel 2021 nella Tuscia

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 17:05
2022-01-21



VITERBO – Sono 2.031 le imprese nate nel 2021 nella provincia di Viterbo. E' quanto emerge dal Registro delle Imprese delle Camere di commercio, l'anagrafe ufficiale delle imprese italiane. Secondo l'analisi statistica realizzata da Unioncamere e InfoCamere - il 2021 si è chiuso con un ritrovato slancio delle attività imprenditoriali che, tra gennaio e dicembre, hanno fatto registrare a livello nazionale 332.596 nuove iscrizioni (il 14% in più rispetto all'anno precedente), mentre nell'Alto Lazio l'incremento rispetto allo scorso anno è pari all'11,5%.

Dopo la frenata imposta nel 2020 dal lockdown e dalla fase acuta dell'emergenza Covid, il rimbalzo della natalità non ha però coinciso con un pieno recupero del dato pre-pandemia, mantenendo un gap di circa 20mila aperture in meno rispetto al 2019 e di circa 50mila in meno rispetto alla media del decennio ante-Covid. Una tendenza confermata nell'Alto Lazio, dove nel 2020 le nuove imprese registrate erano state 2.636 e nel 2019 avevano raggiunto quota 3.206.

Alla ripresa delle iscrizioni non ha fatto eco il ritorno a un fisiologico flusso di cancellazioni dai registri camerali, anche per effetto delle aspettative in merito a interventi di ristoro destinati alle imprese che hanno subito i maggiori danni dalla pandemia e comunque ancora iscritte alle date di emanazione dei vari provvedimenti.

Il saldo annuale nazionale è quindi per il 2021 positivo e pari a +86.587 unità, ancora influenzato dagli effetti della congiuntura sanitaria, così come è positivo quello registrato nell'Alto Lazio dove si registra, al netto delle cancellazioni d'ufficio, un saldo di +738 imprese, di cui 211 nel Reatino e 538 nel Viterbese ed un tasso di crescita dell'1,38%. Un trend in linea anche con il resto del Lazio, che traina la crescita tra le regioni centrali, con 14mila imprese in più.

'La tendenza alla contrazione del flusso delle cancellazioni suggerisce molta cautela nella valutazione degli scenari economici del nostro territorio, ma rileviamo comunque una dinamicità nelle iscrizioni, che hanno ripreso a crescere dopo la flessione del 2020. – spiega Francesco Monzillo, Segretario Generale della Camera di Commercio di Rieti-Viterbo - Per quanto riguarda i settori che nel Reatino e nella Tuscia hanno manifestato maggiore vitalità, si segnalano senza dubbio quelli delle costruzioni e delle attività professionali, scientifiche e tecniche, grazie anche all'effetto di misure come il Superbonus 110%, oltre che dei servizi alle imprese.  In netta difficoltà, invece, evidente effetto della pandemia, i settori del commercio, alloggio e ristorazione'.

Categorie: RSS Tuscia

Confimpreseitalia: insediata la nuova giunta esecutiva confederale

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 17:05
2022-01-21


VITERBO - A seguito delle deliberazioni assunte in sede di Congresso Confederale elettivo svoltosi dal 12 al 14 novembre u.s. si è insediata la nuova Giunta esecutiva di Confimpreseitalia.
La composizione dell’organo decisionale continua a rispecchiare le diverse esigenze delle imprese associate, valorizzando un equilibrio territoriale e settoriale, configurandosi, nel contempo, funzionale alle diverse realtà aziendali delle micro, piccole e medie imprese rappresentate.
La nuova Giunta, insediatasi lo scorso 17 gennaio, ha registrato, altresì, un rinnovo generazionale e con una forte presenza femminile.
Sono stati confermati, quali Vice Presidenti, i sigg. Cettina Scaffidi, Giovanni Felice e Fulvio Barion mentre per i nuovi ingressi si è registrata la nomina di Gianfranco Piazzolla e Pietro Monaco che si aggiungono ai componenti della Segreteria Generale Antonella Gobbo, Emanuela Paola Vitali ed Antonio Ianniello. Nominato anche il Portavoce Luigi Sambucini.
Nel corso dell’insediamento è stata evidenziata l’esigenza di condividere e promuovere nuove azioni e nuovi programmi di rilancio per lo sviluppo dei vari comparti produttivi, nonché le concrete potenzialità per un presidio più incisivo del territorio e dei vari settori ed una conseguente maggiore e più forte rappresentanza delle categorie associate.
Sono state, altresì, delineate le linee programmatiche confederali, centrate su pochi e chiare importanti punti, idonei a cogliere tutte le opportunità di crescita e di competitività, nella piena consapevolezza, comunque, delle difficoltà contingenti dovute soprattutto alla pandemia da Covid-19 ancora in corso.
Tra le priorità emerse il rincaro bollette e l’aumento e dell’Istat e dell’inflazione.

Il caro-bollette e l'aumento dell’inflazione potrebbero presentare, infatti, nel corso dell’anno appena iniziato, un conto pesante per le famiglie e per le imprese con una maggiore spesa energetica di oltre 10 miliardi per le prime e aumenti delle fonti energetiche di circa il 40% per le seconde mentre l'inflazione acquisita per il 2021 è pari a 1,9%; tale situazione, non ancora “assorbita” nei comportamenti familiari, rischia di generare un brusco rallentamento delle dinamiche produttive.
Bene l’azione del Governo a condizione che si concretizzi in tempi rapidissimi
Fondamentale la proroga della rottamazione delle cartelle esattoriali e la pace fiscale ancor oggi, insieme al rinnovo della Camere di Commercio con voto diretto da parte delle imprese iscritte, cavalli di battaglia della Confederazione presieduta da Guido D’Amico.
Lo stesso ha evidenziato, in conclusione di riunione, come lo sviluppo della confederazione sia frutto soprattutto della capacità di mettere in campo ed a disposizione delle Associazioni Territoriali, delle Federazioni di categoria e delle Organizzazioni federate una sempre maggior tutela sindacale ed un numero di servizi (accesso al credito, finanziamenti,….) al fine di offrire un sostegno al sistema imprenditoriale rappresentato e renderlo, così, più competitivo.

Categorie: RSS Tuscia

'La Dad discrimina chi non può accedere alla digitalizzazione'

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 17:05
2022-01-21




VITERBO -  'La Didattica a distanza (Dad) discrimina chi non può accedere alla digitalizzazione. Le scuole devono restare aperte, ma in sicurezza e con regole chiare. Chi lavora oggi nella scuola non svolge una professione, ma una vera e propria missione'. Lo dichiara la segretaria generale della Uil scuola di Viterbo, Silvia Somigli.

 'La parola chiave è sicurezza – dice Somigli – . Chi lavora oggi nella scuola non sta più svolgendo una professione bensì una missione all'insegna di un 'si salvi chi può' imposto. Ad agosto abbiamo sottoscritto un protocollo sulla sicurezza che si è totalmente arenato. Ancora non si vedono presidi sanitari nelle scuole, la riduzione del numero di alunni per classe e la sanificazione dell'aria delle aule. E nel frattempo la rabbia, la frustrazione e la tensione della gente, aumenta sempre di più'.

 Infine , la didattica a distanza. 'La Dad – commenta Somigli - è una didattica di emergenza, è un surrogato della scuola che serve a poco e che discrimina chi non può accedere alla digitalizzazione. Ancora oggi ci chiediamo che fine abbiano fatto i soldi per il piano nazionale digitale stanziati prima che arrivasse la pandemia, visto che la Dad è stata fatta dai docenti con i loro device e con le loro risorse personali. Purtroppo non abbiamo avuto risposta, così come sulla possibilità di avere a disposizione i dati dei contagi e dei decessi. Perché non vengono tirati fuori? Forse perché vanno contro la narrazione di questi mesi?'

Categorie: RSS Tuscia

Crabolu (FI): 'Grazie Battistoni, su ovicaprino in PAC risposte chiare'

News da viterbonews24.it - Ven, 21/01/2022 - 17:05
2022-01-21


CELLERE - 'In qualità di responsabile del dipartimento agricoltura del Comitato provinciale di Forza Italia, ringrazio il Sottosegretario Battistoni per aver chiarito la questione del sostegno al comparto ovicaprino nella nuova Pac'. Così, in una nota, Antonio Crabolu, vicesindaco di Cellere e responsabile del dipartimento agricoltura di Forza Italia.
'La verità, al di là di qualcuno che ha inteso fare una mera polemica strumentale, è che la nuova Pac ha una struttura diversa rispetto a prima, e la spiegazione del Sottosegretario è stata molto precisa – spiega Crabolu –. Per l'ovicaprino, peraltro, le economie stanziate sono superiori rispetto alla precedente annualità. Nella programmazione 2014-20 le risorse per l'accoppiato ammontavano a 15,4 milioni di euro; nella programmazione 2023-27 a 13.1 milioni, ma a questi vanno aggiunti i 40,8 milioni di euro sul livello 1 che andranno a finanziare l'ecoschema. Una misura volontaria, ma che sicuramente farà bene al settore'.
'Mi preme sottolineare che il piano strategico della nuova Pac, in particolare la cosiddetta architettura verde, è vero che si basa su una strategia unitaria, ma gli strumenti sono differenziati tra i due pilastri – conclude Crabolu –. Nel caso specifico del settore ovicaprino, l'eco-schema è stato costruito proprio con l'obiettivo di farlo integrare con uno specifico intervento che sarà attivato dalle singole Regioni'.

Nota stampa di Forza Italia

Categorie: RSS Tuscia

Rifiuti radioattivi nella Tuscia, Panunzi (Pd): “La Regione Lazio ha presentato ulteriori osservazioni per ribadire la contrarietà al deposito”

News da Ontuscia.it - Ven, 21/01/2022 - 16:27

“La Regione Lazio ha presentato ulteriori osservazioni per ribadire la contrarietà al deposito dei rifiuti radioattivi nella Tuscia”. Lo comunica il consigliere regionale del Pd Enrico Panunzi. Il documento, a firma dell’assessore regionale Massimiliano Valeriani, è stato inviato con pec e secondo le modalità previste dalla normativa, entro il termine del 15 gennaio.

“Il documento si articola in cinque punti, con una serie di note e allegati aggiuntivi – prosegue il vice presidente della X commissione -.

Continua la lettura di "Rifiuti radioattivi nella Tuscia, Panunzi (Pd): “La Regione Lazio ha presentato ulteriori osservazioni per ribadire la contrarietà al deposito”" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia