News da viterbonews24.it

Abbonamento a feed News da viterbonews24.it News da viterbonews24.it
Quotidiano online di Viterbo
Aggiornato: 6 min 7 sec fa

Discarica: via libera della Regione all'innalzamento del sito

6 min 7 sec fa
2019-10-17

VITERBO - La Regione autorizza la sovraelevazione della discarica in località Le Fornaci. La determinazione, datata 10 ottobre 2019, e firmata dal dirigente Flaminia Tosini, dà il via libera alla ''modifica sostanziale presentata dalla società Ecologica Viterbo all'autorizzazione integrata ambientale'' consistente nella ''sopraelevazione dell'invaso VT3 per una volumetria pari a 275mila metri cubi''.

L'istanza era stata presentata dalla società  Ecologica Viterbo il 10 febbraio del 2017. L'iter per l'approvazione è stato piuttosto articolato. Tra i vari passaggi vanno ricordati il 2 gennaio di quest'anno il parere favorevole del Servizio di igiene e sanità pubblica della Asl di Viterbo, già espresso in sede di Valutazione di impatto ambientale; la conferenza dei servizi dello scorso 21 giugno in cui il Comune di Viterbo avrebbe dato parere negativo; il parere dell'Arpa arrivato il 3 luglio in cui afferma, tra l'altro, che: ''il progetto di sopraelevazione in argomento non implica la modifica del sedime della discarica e il procedimento amministrativo in corso non prevede il riesame del PMeC a suo tempo autorizzato''.

Nella determina autorizzativa della Regione si legge anche che ''la scadenza dell'autorizzazione è quella prevista dalla determinazione GI 1530/2019 al 4/11/2019''.

Categorie: RSS Tuscia

Comune di Viterbo: promesse, promesse, ma fatti?

6 min 7 sec fa
2019-10-17

VITERBO - Del Conte di Carmagnola, Alessandro Manzoni scrisse: ''I fatti seguivano le parole''. Allora, la consigliatura comunale Arena non è il Conte di Carmagnola!

La campagna elettorale per il rinnovo dell’amministrazione comunale di Viterbo nella primavera del 2018 fu da parte del centro-destra unito tutta incentrata sul rinnovamento. Tutte le rappresentanze politiche candidate alla vittoria promisero che nella loro amministrazione sarebbe avvenuto un deciso cambio di rotta,anzi indispensabile, dopo le misere performances amministrative della uscente consigliatura a guida Michelini.

I reboanti comizi in città per catturare Il voto dei viterbesi furono pieni di promesse, in particolare, un deciso cambiamento della politica amministrativa della città.

Prima promessa: la riqualificazione del centro storico, a seguire, la sistemazione delle frazioni, quindi poi interventi massicci sull’offerta turistica e termale, sulla viabilità interna ed esterna alle mura, nonché pressioni presso la Regione ed il Governo nazionale per il completamento,almeno, della Superstrada.

Ma l’Oscar delle promesse disattese qual è? A distanza di un anno e mezzo di governo cittadino, tutto è rimasto come prima, anche se non peggio proprio in proposito di centro-storico di Viterbo.

Per pudore dei nostri attuali amministratori non vado a sfogliare il volantino elettorale da essi, allora candidati, fu stampato e diffuso.

Di tutte le promesse nemmeno il 10 % è stato fatto.

Sino adesso abbiamo registrato in Consiglio comunale baruffe che, in un mio scritto descrissi come ''baruffe chiozote'', cioè vane.

Si sa. Le promesse in campagna elettorale valgono meno delle famose promesse da marinaio, perché una volta al governo si scopre che la realtà è diversa e ciò è ben noto per qualunque elettore che si accinge a dare una preferenza elettorale. Egli sa che molto del programma elettorale resterà solo stampato sui ''santini''

Ma tant’è. Si vive pure di illusioni e speranze.

All’attuale amministrazione del Comune di Viterbo va l’Oscar della ''bugia'', perché nessuna, ripeto nessuna, promessa, anche la più semplice da realizzare è stata mantenuta.

Si promise che la politica cittadina sarebbe cambiata, mentre invece si assiste altro, giorno dopo giorno, che a giochi politici, intrighi di palazzo e cambi di casacca (due addirittura dopo due mesi dall’insediamento del Consiglio), insieme a ripicche, gelosie e quanto di peggio possa disonorare la vera politica sia patrimonio dell’attuale consigliatura Arena.

I problemi cittadini non sono stati risolti se non nella parziale riasfaltatura di strade ridotte a colabrodo per le buche pari quelle ''storiche'' di Roma. Ringraziamo l’assessore alle Opere pubbliche Allegrini che con caparbietà e nelle ristrettezze del bilancio sta riuscendo a rimettere un po’ d’asfalto, ma di progettazione opere pubbliche, né puzza né odore.

La rotonda e l’allargamento della Cassia nord, i cui lavori stentano, non sembrano risolvere i problemi di traffico di quel quadrante, ma solo agevolare la costruzione di un mastodontico capannone ad uso commerciale (un altro!); poi, lo sfondamento del Poggino verso la Cassia, una chimera. Eppure vi sarebbero stati fondi regionali per farlo.

La viabilità interna alla città non ha trovato soluzioni diverse a quelle scellerate delle passate amministrazioni solo accecate dalle pruderie eociologiche contro l’uso dei veicoli a motore. Per esempio, nessuno dei componenti delle commissioni comunali e neanche un semplice consigliere comunale ha fatto proposte diverse dalla chiusura al traffico di via San Lorenzo che ha determinato la chiusura di diecine di piccoli negozi e botteghe artigiane e comunque costretto gli automobilisti ad effettuare ''giri dell’oca'' (quindi incrementando l’inquinamento) in uscita da Viterbo verso Porta San Pietro.

Non parliano poi della questione del Bullicame a secco!

Un monumento della natura che lasciò esterrefatto anche Dante, reso inutile alla visita turistica e scientifica per il ''furto'' d’acqua termale perpetrato anni addietro.

L’attuale sindaco, come il precedente, non provvede come previsto a dare seguito a interventi giudiziari. Non si sa perché.

Le terme ex Inps, proprietà comunale stanno in abbandono e sugli interventi per la riqualificazione solo chiacchiere. Nel frattempo è caduto sul territorio comunale un vincolo di ben 1600 ha sul territorio comunale e non appare che ad esso il Consiglio comunale abbia preso posizione univoca su ricorsi amministrativi.

Ma soprattutto, sono proprio le proposte per il centro-storico che latitano.

Proprio quelle che forse avevano invitato tanti cittadini per dare la preferenza elettorale ai promotori.

Vediamo da anni chiuso da anni il teatro comunale Genio. Nessuno ci pensa. Chiuso da anni anche il cinema Metropolitan, la cui area potrebbe riqualificarsi, ma nessuno ci pensa. Chiuso ed abbandonato l’ex ospedale, idem. Nel frattempo hanno chiuso i negozi e le botteghe artigiane del centro. Via Saffi, una volta il secondo corso di Viterbo, è un mortorio. Solo vetrine buie ed imbrattate di avvisi ''vendesi'', ''affittasi''.

Il centro-storico, salotto della città, in questi ultimi tempi balzato alla cronaca solo per i fatti di cronaca nera che qui si sono consumati, viepiù trasformato in ore notturne in terreno di scontri tra bande di stranieri o di sguaiatezze varie, non sempre goliardiche, che hanno reso impossibile la vita dei cittadini residenti costretti ad andare ad abitare altrove. Si, proprio nei palazzoni di recente costruzione, anonimi, senza anima.

Un centrostorico, abitato solo dal 10% della popolazione comunale di oltre 63.000 residenti, rappresenta il fallimento di ogni politica abitativa e turistica.

Ma il Comune che fa per risolvere il problema ? Per adesso nulla.

Quella della riqualificazione del centrostorico, di sicuro è stata la maggiore promessa non mantenuta. Una delle tante.

Aspettiamo un colpo d’ala dal Consiglio comunale straordinario convocato sul tema giovedi prossimo 17 ottobre alle 15,30.

Ma non ci facciamo illusioni. Sentiremo solo chiacchere.

Di buone intenzioni è anche lastricata la via dell’inferno.

Categorie: RSS Tuscia

Scontri dopo Casertana-Viterbese, revocato l'obbligo di firma per i sette ultrà

6 min 7 sec fa
2019-10-17

VITERBO – (b.b.) Scontri nel post partita tra Casertana e Viterbese, revocato l’obbligo di firma per i sette ultrà gialloblu.

I tifosi, di età compresa tra i 20 e i 35 anni, erano stati colpiti dal provvedimento di presentazione alla polizia giudiziaria pochi giorni fa, a seguito dei tafferugli fuori lo stadio ''Pinto'' di Caserta il 17 marzo scorso, quando a match concluso, durante il deflusso degli spettatori ospiti, avrebbero aggredito le forze dell’ordine. A finire in ospedale, feriti con oggetti metallici e contundenti, sono stati due carabinieri e un operatore della polizia scientifica, a cui uno degli ultrà avrebbe tentato di sottrarre la videocamera utilizzata per le riprese che servivano a identificare gli autori degli scontri.

Revocato l’obbligo di firma, per i sette tifosi, rappresentati dagli avvocati Domenico Gorziglia e Leonardo Pompili, restano in piedi gli altrettanti Daspo, ovvero i divieti di accedere alle manifestazioni sportive per una durata complessiva di 38 anni.

La procura di Santa Maria Capua Vetere contesta loro i reati di resistenza, violenza a pubblico ufficiale e possesso di arnesi atti ad offendere. Nel corso di perquisizioni nelle abitazioni dei sette tifosi sono stati sequestrati alcuni fumogeni ed i biglietti della gara Casertana-Viterbese, valevole per la stagione 2018/2019 di serie C.

Categorie: RSS Tuscia

‘'Sono uno sciamano, posso ucciderti senza nemmeno toccarti''

6 min 7 sec fa
2019-10-17

VITERBO – (b.b.) Si sarebbero conosciuti nel 2011 e tra i due, un’insegnante di yoga di 40 anni e un ecuadoriano di poco più giovane, sarebbe subito nato l’amore. Una storia da cui un anno dopo sarebbe arrivato addirittura un figlio. Tutto perfetto, se non fosse stato per l’eccessiva gelosia dell’uomo, che avrebbe costretto la donna a vivere perennemente in casa e sotto controllo.

''Lui riteneva di essere uno sciamano – ha spiegato la vittima in aula di fronte al giudice Silvia Mattei – e una volta ha detto a mia sorella che i suoi poteri gli avrebbero permesso di uccidermi senza nemmeno toccarmi''.

Una minaccia poco velata di morte se la donna, che nel frattempo avrebbe avuto trovato il coraggio di lasciarlo, non fosse tornata con lui.

''Ci siamo lasciati poco dopo la nascita del bambino e da subito sono iniziati i pedinamenti e le chiamate a qualsiasi ora del giorno e della notte'' ha sottolineato. Da lì la denuncia a carico del suo ex e il processo per stalking partito nel 2014.

Anche se gli episodi sarebbero continuati. ''L’ultimo risale al giugno di quest’anno – ha spiegato – stavo assistendo al saggio di mio figlio quando anche lui è arrivato. Mi ha visto parlare con alcuni conoscenti di sesso maschile. Non ci ha visto più e mi ha dato un pugno in faccia''.

Prima sottoposto all’obbligo di allontanamento dalla donna, ora è recluso agli arresti domiciliari. Il processo a suo carico riprenderà a marzo.

Categorie: RSS Tuscia

Andrea Landolfi a processo per omicidio volontario a dicembre

6 min 7 sec fa
2019-10-17

RONCIGLIONE – (b.b.) Andrea Landolfi dovrà rispondere di omicidio volontario e di omissione di soccorso di fronte alla Corte d’Assise del tribunale di Viterbo il prossimo 9 dicembre.

Nelle ore scorse è stata fissata la data della prima udienza a carico del 30enne, accusato di aver ucciso la fidanzata Maria Sestina Arcuri gettandola dalle scale del primo piano dell’appartamento della nonna, a Ronciglione il 3 febbraio scorso.

Nel carcere romano di Regina Coeli dal 25 settembre, per lui la procura ha chiesto il rito immediato: tra una manciata di settimane la prima udienza a suo carico.

Per il pubblico ministero Franco Pacifici sarebbe stato il 30enne, al culmine di una furiosa lite con la fidanzata dopo un’uscita serale, a sollevare di peso Maria Sestina e gettarla dalle scale, procurandole lesioni che poi sono risultate fatali, nonostante un disperato intervento alla testa a cui la giovane alcune ore dopo venne sottoposta.

Ben diversa la versione di Landolfi che da sempre si è dichiarato innocente, sostenendo come si sia trattato di una drammatico incidente: il volo di Maria Sestina, la sua caduta, sarebbe stato tutto una tragica fatalità.

Ad incastrarlo ci sarebbero però anche le dichiarazioni di suo figlio che avrebbe assistito alla scena e avrebbero in seguito raccontato agli inquirenti di come sua padre abbia preso Maria Sestina e l’abbia fatta ‘’volare giù come Tarzan’’.

Indagato a piede libero fino alla decisione della Suprema Corte di Cassazione di rendere esecutivo il suo arresto come stabilito dal tribunale del Riesame nel giugno scorso, ora è imputato di omicidio volontario e omissione di soccorso e dovrà comparire di fronte ai giudici il 9 dicembre alle ore 9, assieme al suo difensore, l'avvocato Luca Cococcia.

Categorie: RSS Tuscia

Ancora topi alla scuola d'infanzia chiusa per motivi igienico-sanitari

6 min 7 sec fa
2019-10-16

di Veronica Ruggiero

TUSCANIA - Scuola dell'infanzia resterà chiusa dal prossimo venerdì, 18 ottobre, fino al 21 ottobre. Lo ha disposto il sindaco Bartolacci per effettuare un ''servizio di prevenzione igienico sanitaria'', come si legge nell'ordinanza. La motivazione della chiusura va ricondotta a un sopralluogo effettuato dai Nas in questi giorni. Il ''servizio'' di cui si parla nell'ordinanza consisterebbe in una derattizzazione, la seconda dall'inizio dell'anno scolastico.

La questione è stata anche oggetto di alcune comunicazioni, nei giorni scorsi, tra il consigliere capogruppo di minoranza Regino Brachetti e la dirigente dell'istituto Paola Adami. Il primo ha chiesto ''un incontro e successivamente un sopralluogo alle strutture scolastiche'' che la Adami dirige. La preside però ha risposto che, nonostante, avesse 'molto apprezzato la sua disponibilità a supportare la scuola anche in momenti complessi come l'emergenza sanitaria dovuta alla derattizzazione'' ma ha respinto al mittente la richiesta. ''Accolgo con gioia la sua disponibilità a svolgere un sopralluogo nella scuola dopo la fase di intervento (ndr la derattizzazione avvenuta a inizio anno) ma come lei può capire - ha scritto la dirigente- il suo lodevole intento potrebbe venire interpretato come un tentativo di controllo delle attività della Pubblica amministrazione, cosa che credo il mio ruolo non possa avallare'. In conclusione poi la dirigente si era dichiarata disponibile ''qualora la giunta comunale volesse venire in delegazione a controllare lo stato dell'arte''. 

Nel sopralluogo di questi giorni i carabinieri dei Nas avrebbero trovato ancora escrementi di topo. Nonostante la prima derattizzazione, sarà necessario procedere a un secondo intervento.

Categorie: RSS Tuscia

Parcheggio Airri Medical, ''Integrare i posti per i disabili''

Mer, 16/10/2019 - 19:17
2019-10-16

Riceviamo e pubblichiamo da Aism-Airri

VITERBO - Aism, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, sezione provinciale di Viterbo, ha consegnato proprio in questi giorni una richiesta presso il Comune di Viterbo che garantisca continuità nel collaborare in rete. Oggi l’obiettivo è integrare i posti per persone con capacità motoria ridotta, nel parcheggio antistante al Centro di Riabilitazione Airri Medical di Viterbo che ogni giorno vede un flusso di oltre 100 persone con diverse disabilità. L’integrazione di alcuni parcheggi specifici come sopra riportato, garantirebbe di accedere autonomamente senza dover essere necessariamente supportati. ''Completa Autonomia e Partecipazione'', questo quanto Aism porta avanti sul territorio attraverso percorsi di Empowerment dedicati.

Certi di avere un supporto tempestivo ringraziamo anticipatamente l’amministrazione comunale per quanto potrà fare.

Ricordiamo che il centro di riabilitazione Airri Medical di Viterbo, ha un protocollo d’intesa con Aism in grado di garantire continuità assistenziale e qualità nella presa in carico riabilitativa. Grazie a questo, c’è una partecipazione attiva delle persone coinvolte nella sclerosi multipla del territorio che di volta in volta segnalano alcuni disagi per trovare insieme la migliore soluzione.

Il consiglio provinciale Aism

Categorie: RSS Tuscia

Cucine su misura, ma solo fatte a mano

Mer, 16/10/2019 - 19:17
2019-10-16

 

Le cucine su misura, realizzate a mano da artigiani esperti, hanno lo scopo di sfruttare al massimo gli spazi a disposizione e rendere l'ambiente più vivibile e funzionale, dando l'opportunità di muoversi liberamente all'interno, senza doversi limitare o sentirsi compressi. La richiesta di mobili su misura proviene in massima parte da utenti con problemi di spazio abitativo, ma anche da una clientela raffinata ed esigente.

Perché scegliere cucine su misura?

Le cucine su misura vengono da sempre associate a soluzioni artigianali di qualità. Maestri falegnami e mobilieri trasformano i limiti geometrici e dimensionali in prodotti unici, inimitabili, dalle forme libere, personalizzabili, non standardizzate che regalano maggiori possibilità di movimento e di ottimizzazione degli spazi. Le aree non sfruttate e gli angoli vengono riempiti con elettrodomestici, ripiani, scaffali, mobiletti e soluzioni tecnologiche per migliorare la funzionalità. Le cucine su misura sono adatte sia per appartamenti o case spaziose che per abitazioni dalle dimensioni più contenute.

Materiali e finiture per cucine su misura

La personalizzazione delle cucine su misura non riguarda solamente le dimensioni dell'ambiente a disposizione, ma anche la scelta dei colori, dei rivestimenti, le forme ideali ed i materiali impiegati. I legni pregiati, le resine ed i trattamenti finali contribuiscono a trasformare in qualcosa di tangibile un qualsiasi progetto.

Come si progetta una perfetta cucina su misura

Le cucine su misura sintetizzano i concetti di praticità e funzionalità. Sono comode, durature ed esteticamente con un forte impatto visivo. I modelli ergonomici migliorano l'organizzazione degli accessori e degli attrezzi per la preparazione di deliziosi manicaretti. La progettazione di una cucina su misura, pertanto, viene realizzata tenendo conto di quattro zone fondamentali:

- area di lavaggio delle stoviglie;

- area di preparazione dei cibi;

- area di conservazione;

- area di consumazione dei pasti e di riunione della famiglia.

Nelle cucine su misura gli elettrodomestici supportano adeguatamente il lavoro degli utenti, armonizzandosi con i mobili, i ripiani, l'ambiente circostante e garantendo igiene, pulizia e semplicità d'azione.

Tipologie di cucine su misura

Le cucine su misura, realizzate a mano dalla ditta Mastrofiore, rispecchiano i desideri degli utenti. Possono essere realizzate seguendo una disposizione classica in linea, ad L, ad U, con penisola o isola. Le creazioni variano logicamente in base allo spazio a disposizione, al gusto del cliente ed al progetto, valutando quindi l'apertura degli sportelli, degli elettrodomestici, dei cassetti, lasciando gli ingressi liberi e senza creare intralci, soprattutto in ambienti dagli spazi limitati.

 

Vantaggi e svantaggi delle cucine realizzate su misura

Le cucine su misura riproducono alla perfezione stili classici, moderni, vintage, shabby chic oppure country, operando con originalità e garantendo pezzi unici e di qualità. Le cucine realizzate a mano presentano quindi numerosi vantaggi, tra cui:

- personalizzazione;

- ottimizzazione degli spazi a disposizione;

- praticità e funzionalità;

- durata nel tempo. Il legno utilizzato è sinonimo di robustezza, resistenza e solidità.

 

I pochi svantaggi, invece, sono:

- prezzo elevato;

- tempi di consegna lunghi;

- mancanza di ricambi.

Categorie: RSS Tuscia

''O si aspira al meglio o niente''

Mer, 16/10/2019 - 19:17
2019-10-16

 

di David Sciuga

VITERBO  Duro e puro, senza fronzoli e che non bada alla filosofia. Questo è lo sport da combattimento di Paride Giuseppe Achilli, 33 anni, atleta e istruttore viterbese che ha fatto dell'impegno, della ferrea coerenza e del sacrificio il tratto distintivo del suo lavoro: ''Le mie lezioni sono dure, sono per tutti ma chi non le accetta può anche andarsene subito. Chi segue i miei corsi, dopo alcune spiacevoli esperienze, è opportunamente selezionato: bisogna essere molto convinti quando si decide di intraprendere con me questo percorso. La mia è un’attività senza fini di lucro o speculatori. E non considero la mediocrità un risultato. O si aspira al meglio, o niente, meglio 3 bravi che 300 mediocri'', mette in chiaro.

Ha una lunga esperienza in molti sport, specie negli sport da combattimento, che ha respirato dall'età di 3 - 4 anni: ovvero dopo essersi avvicinato da bambino al Judo No Gi, con il padre, amico personale della leggenda olandese Anton Geesink, campione olimpico, mondiale ed europeo di Judo e Greco Romana. 

Achilli sostenne successivamente incontri nel grappling e in quello che veniva chiamato ''combattimento libero'', poi MMA, discipline praticate a partire dal 1999. In altre parole un pioniere nazionale. Dopo un periodo di inattività dovuto a problemi fisici, è tornato dal 2012 a mettersi gradualmente alla prova. Degna di nota ad esempio la presenza come portabandiera in Olanda al Torneo IBJJF Sportvision King of the Beach, nel 2018, ben figurando contro il campione tedesco Costantin Janicke, atleta capace di battere blasonati agonisti di grappling e MMA. E risultando il più forte italiano che abbia mai combattuto al circuito Sportvision in qualsivoglia disciplina, nonché l’unico vero e proprio freelance ad avervi acceduto.

Achilli oggi è in trattativa da professionista per un match openweight con Omar Gutierrez, atleta di 90 kg, che sulla bilancia sovrasta i suoi 65. Gli incontri tra atleti di categorie di peso differenti sono ormai una rarità e in particolare in Italia questo rappresenterebbe una sostanziale novità, considerando che l’avversario è anche molto abile. Accanto alla carriera da agonista ha intrapreso quella ben più brillante da istruttore, applicando il suo particolare approccio alla preparazione di combattenti che hanno raccolto importanti risultati. Achilli ha insegnato anche in Olanda e si dichiara disponibile su chiamata per preparare i giovanissimi e atleti che puntano ad approdare al professionismo. Tuttavia, non è sicuro di voler riaprire di nuovo dei corsi come prima.Il suo approccio volitivo gli permette di trasmettere la sua passione per il combattimento, facendo sì che i suoi concetti cardine vengano trasmessi in modo chiaro ed incisivo.

Nelle sue lezioni è fondamentale acclimatarsi al più presto a ciò che comporta uno scontro reale: ''Bisogna tornare al combattimento di per sé, rimettendo in primo piano la preparazione fisica: ritengo che l’aspetto filosofico di molte discipline orientali spesso ostacoli a diventare atleti migliori: guai a confondere l’insegnante di arti marziali con il maestro di vita se non si vuole andare fuori strada, e io che sono cristiano tanto più non posso adottare certe visioni. Tra l’altro ho sempre rifiutato di prendere il titolo di maestro'', spiega l’insegnante viterbese.

Non è necessario, in casi di necessità, disporre di attrezzature sofisticatissime quando si conoscono bene i metodi di allenamenti e le dinamiche reali del combattimento. Un tratto distintivo del suo metodo infatti è abituare l’atleta allo stress del combattimento facendogli affrontare sparring in cui è in una situazione svantaggiosa affrontando più di un avversario alla volta. Sia come atleta che come istruttore Achilli persegue la sua idea che guarda all’essenzialità: ''Io punto alla vera preparazione e sul reale accrescimento delle capacità. I miei obbiettivi sono diversi da quelli di molti venditori di fumo in circolazione: per me le onorificenze altisonanti e le menzogne non sono di nessuna importanza. È la sostanza che conta. E non ho nessun problema a dire questo, visto che non sono in cerca di clientela''.

Categorie: RSS Tuscia

Prevenzione delle infezioni, campagna informativa all'ospedale Andosilla

Mer, 16/10/2019 - 19:17
2019-10-16

CIVITA CASTELLANA  - In occasione della settimana internazionale per la prevenzione delle infezioni, che quest’anno si svolge 13 al 19 ottobre, l’unità operativa di Chirurgia generale di Civita Castellana, diretta da Fabio Cesare Campanile, ha realizzato una campagna informativa rivolta agli operatori sanitari, ma, in primo luogo, ai pazienti e ai loro cari che frequentano l’ospedale Andosilla.

Nello specifico, sono state prodotte delle infografiche che nei prossimi giorni saranno posizionate accanto ai dispenser del gel idroalcolico per la pulizia delle mani, nelle docce, nelle camere dei pazienti, nelle sale operatorie e nelle medicherie del reparto.

''La nostra struttura – commenta Campanile – è da sempre molto attiva sul tema della prevenzione delle infezioni, non a caso la Chirurgia di Civita Castellana è parte integrante della Global alliance for infections in surgery, sin dalla sua fondazione. In occasione della giornata internazionale abbiamo deciso di mettere in campo un progetto che non fosse rivolto solamente agli operatori sanitari, ma anche ai pazienti e ai visitatori. È una iniziativa di ‘patient empowerment’ che oggi è ritenuta universalmente essenziale per il buon esito delle cure''.

Iniziativa che, come obiettivo correlato, prevede anche la diffusione delle linee guida che, in particolar modo negli ultimi anni, la struttura civitonica ha adottato, aggiornato, verificato e raccolto in un’unica procedura di reparto, contribuendo a ridurre l’incidenza di infezioni al suo interno.

''Attraverso la campagna di informazione – conclude Fabio Cesare Campanile - vogliamo coinvolgere i pazienti e i visitatori, accrescendo la loro consapevolezza rispetto all’importanza dell’adozione di comportamenti e abitudini che, se messi in atto in prima persona, in un ambiente sanitario come il nostro, possono contribuire a ridurre il rischio di infezioni''.

Categorie: RSS Tuscia

''Dovere dello Stato ridare la scorta al Capitano Ultimo''

Mer, 16/10/2019 - 19:17
2019-10-16

VITERBO - ''La lotta alla mafia interessa a questo Governo? La domanda sembra essere lecita leggendo la decisione di revocare la scorta al Capitano Ultimo, eroe nazionale della lotta alla mafia''.

Lo afferma, in una nota, il senatore di Forza Italia Francesco Battistoni, che aggiunge: ''Come ironizza lo stesso Comandante sui social 'non c'è pericolo perché la mafia non esiste più', ma sappiamo tutti cosa si cela dietro a questa battuta. Chiedo al Governo di ravvedersi e ripristinare la scorta al Capitano Ultimo, non solo perché è compito dello Stato proteggere i suoi cittadini, ma perché garantire l'incolumità di una delle più esemplari figure della lotta alla mafia è il miglior segnale che lo Stato possa mandare''.

Categorie: RSS Tuscia

''Roberto era sempre sorridente e gioviale...''

Mer, 16/10/2019 - 19:17
2019-10-16

 

di Massimiliano Vismara

VITERBO - Una basilica della Quercia gremita, tanti visi tristi riuniti per dare l'ultimo saluto a Roberto Bennati, l'uomo, l'amico. Tra i tantissimi presenti numerose figure politiche sia del passato che dell'attuale amministrazione, a testimonianza dell'incisiva presenza di Roberto nella vita politica e sociale della città. Tutti infatti lo ricordano come consigliere con delega alla consulta del volontariato sotto l'amministrazione Marini, e questa vocazione per il sociale era il filo guida della sua vita, come ha ricordato il vescovo Fumagalli durante la celebrazione:

''Ne sono venuto a conoscenza lunedì sera mentre ero in seminario. L' avevo incontrato qualche giorno fa in occasione di una cerimonia di premiazione di 274 ragazzi del Movimento per la Vita. Roberto era come sempre, sorridente e gioviale. Questo ci fa capire che l'uomo postula l'eternità ma in realtà siamo come un filo d'erba che oggi c'è e domani è falciato e disseccato''.

Categorie: RSS Tuscia

Battistoni: ''Su danni da fauna selvatica atteggiamento M5s imbarazzante''

Mer, 16/10/2019 - 16:16
2019-10-16

Riceviamo e pubblichiamo dal senatore Francesco Battistoni

VITERBO - È notizia di oggi che il presidente della commissione ambiente del Senato della Repubblica Vilma Moronese, abbia rifiutato di condividere il percorso legislativo sui disegni di legge per il controllo della fauna selvatica con la commissione agricoltura della quale faccio parte. Abbiamo appreso questa scelta con un forte imbarazzo.

Il tema relativo ai danni che la fauna selvatica procura agli agricoltori è un argomento che merita ampia condivisione, siamo tutti stupiti dal rifiuto tranchant del Presidente Moronese, figlio solo della non volontà di discutere del problema con una commissione che ha come presidente un esponente della Lega di Matteo Salvini. La politica andrebbe lasciata fuori il palazzo e non fatta gravare su temi, come quello dell'agricoltura, che dovrebbero essere di tutti, come ha ricordato nella recente audizione il Ministro Bellanova.

Le scaramucce dovrebbero essere lasciate a casa, il Senato è una cosa seria, come lo è l'agricoltura, e come lo sono i danni causati dalla fauna selvatica in Italia, che ricordo al presidente Moronese corrispondono a circa 50-60 milioni di euro l'anno per l'intero comparto agricolo.

La gestione della cosa pubblica targata Movimento 5 Stelle è a dir poco ridicola.

Categorie: RSS Tuscia

Bandi regionali, Panunzi (Pd): ''Più informazione per far conoscere le opportunità offerte''

Mer, 16/10/2019 - 16:16
2019-10-16

Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere regionale Enrico Panunzi

VITERBO - 'Dobbiamo promuovere e far conoscere a una platea più ampia possibile le opportunità offerte dai bandi'. Lo afferma il consigliere regionale Enrico Panunzi (Pd), che ha tenuto il 15 ottobre, insieme ai presidenti della Camera di Commercio di Viterbo Domenico Merlani e di Lazio Innova Paolo Orneli, l'incontro #DestinazioneTuscia per illustrare i bandi promossi dalla Regione Lazio, In primo piano i bandi 'Pree – Seed', 'Piccolo credito', 'Rimborso iva per le startup innovative', 'Innova venture', 'Fondo futuro' e 'Innovazione sostantivo femminile'. 'Serve garantire una strategia d'informazione capillare, con il coinvolgimento delle amministrazioni locali e delle associazioni di categoria – ha affermato il consigliere regionale Panunzi -. Abbiamo gli strumenti per farlo e non capisco come ancora oggi sia difficile far conoscere queste opportunità. I bandi vanno letti e analizzati con attenzione e, nella fase propedeutica, le associazioni di categoria devono assistere le persone o le realtà che vogliono partecipare, perché i loro progetti siano spendibili e finanziabili.

La Regione ha fatto uno sforzo notevole in questa direzione, eliminando tante società inutili e creando Lazio Innova per canalizzare meglio il flusso delle informazioni. Ho chiesto al presidente di Lazio Innova Orneli di farsi portavoce di questa esigenza anche nella provincia di Viterbo e lo ringrazio per l'impegno che sta mettendo nel rendere più chiare le finalità dei bandi. Anche perché, ricordo, gran parte dei fondi arrivano dall'Europa e se non sono utilizzati devono essere restituiti'.

Categorie: RSS Tuscia

Viale Fiume ancora sommersa dai liquami

Mer, 16/10/2019 - 16:16
2019-10-16

Riceviamo e pubblichiamo da Massimiliano Vittorini

VITERBO - Dopo mesi di comunicazioni scritte e verbali con gli uffici tecnici comunali e gli uffici ASL, gli abitanti del Condominio di Viale Fiume n. 81 si ritrovano sommersi dai liquami maleodoranti che rigurgitano da una linea fognaria che raccoglie tutti gli scarichi provenienti dai palazzi di Viale Fiume.

Con la presente i condomini intendono denunciare l’atteggiamento latitante del Comune che asserisce che il fatto non è di sua competenza, non avendo mai preso in carica la linea della fognatura.

A fronte di pagamenti regolari versati dai condomini per la depurazione e la fognatura nelle bollette dell’acqua. I condomini fanno presente che tale tipo di problema non può essere affrontato solo da loro stessi ma deve coinvolgere l’amministrazione comunale e tutti gli altri che usufruiscono della tubatura.

Categorie: RSS Tuscia

Attestato di merito sportivo al campione Alessandro Vaglio

Mer, 16/10/2019 - 16:16
2019-10-16

VITERBO - Baseball, il sindaco Giovanni Maria Arena ha consegnato nei giorni scorsi un attestato di merito sportivo ad Alessandro Vaglio, capitano della Nazionale italiana di baseball e della Fortitudo Baseball Bologna. Nella sala rossa di Palazzo dei Priori, il primo cittadino ha consegnato al campione viterbese il simbolico riconoscimento per aver conquistato, lo scorso giugno, nel capoluogo emiliano, il titolo europeo all'European Champions Cup 2019 di baseball con la Fortitudo Bologna.

“Un altro grande successo conquistato con sacrificio e fatica – ha sottolineato il sindaco Arena durante la consegna dell'attestato di merito sportivo -. Viterbo è orgogliosa del suo campione che continua a conquistare e collezionare ambiziosi risultati in competizioni sportive internazionali”.

A congratularsi con Alessandro Vaglio per l'ennesimo successo, oltre il sindaco Arena, anche l'assessore allo sport Marco De Carolis e i consiglieri Valter Rinaldo Merli e Matteo Achilli, quest'ultimo delegato ai rapporti con le società sportive.

 

Categorie: RSS Tuscia

Mammagialla, Cgil: ''Più organico e formazione''

Mer, 16/10/2019 - 16:16
2019-10-16

VITERBO - “L'aggressione di pochi giorni fa a un'operatrice  sanitaria da parte di un detenuto durante un turno notturno, mentre l’unico poliziotto destinato al piano era comandato al controllo di altre tre sezioni, testimonia la necessità di un intervento urgente da parte dell'Amministrazione ad incrementare l'organico. Solo l'esperienza e la grande professionalità delle poche unità in servizio sotto la guida del sostituto commissario, responsabile della sorveglianza, hanno impedito ulteriori azioni pregiudizievoli per la sicurezza delle persone e l'ordine dell'istituto”. A parlare, in una nota, è la Fp Cgil. 

“Come abbiamo potuto verificare direttamente nel corso della visita di ieri l'organico previsto da decreto ministeriale dovrebbe essere di 343 unità mentre al momento sono presenti solo 260 unità, la carenza maggiore riguarda il ruolo esecutivo degli agenti/assistenti. La capienza prevista sarebbe di 432 detenuti invece, ad oggi, le poche unità di polizia devono gestire circa 550 detenuti con posizioni giuridiche diversificate e molti presentano patologie psichiatriche”, prosegue il sindacato.

“Non possiamo che ribadire all'Amministrazione penitenziaria la necessità di attuare  una  politica  mirata ad incrementare gli organici,  nonché a maggiori investimenti economici sulle strutture e sulla formazione del personale”, conclude la nota. 

Categorie: RSS Tuscia

''Pinocchio in prigione'', domani il workshop a Mammagialla

Mer, 16/10/2019 - 16:16
2019-10-16

VITERBO - Prosegue,  presso la casa circondariale Mammagialla, domani alle ore 15 il progetto ''Pinocchio in prigione''.

Progetto che l'associazione King Kong Teatro realizza con il contributo della Regione Lazio in quattro Istituti di Pena ovvero la Casa Circondariale di Latina, la Casa Circondariale di Velletri, la Casa Circondariale di Viterbo e la Casa Circondariale di Rieti. 

Il progetto volto a realizzare attraverso percorsi educativi dell'arte e della cultura processi di sostegno e risocializzazione della popolazione detenuta, prevede quattro giornate con lezioni spettacolo, workshop con la partecipazione diretta dei detenuti, esercizi di visione e la performance di teatro danza ''Giustizia per Pinocchio''.

La performance, appositamente realizzata, si avvale di una narrazione tutta al femminile: cinque attrici, cinque fate, cinque pinocchi che attraversano nel tempo e nello spazio ricordi e frammenti di un'umanità che prende vita e che si sgretola nel medesimo istante nella ricerca assennata di uno 'stare' qui ed ora. 

Un racconto che prende ispirazione dalla vicenda del burattino per divenire altro, attraverso gesti, silenzi, azioni ripetute, parole balbettate che rimandano a un possibile Pinocchio che risiede in ognuno di noi e che ci rende partecipi di conquiste e sconfitte, inciampi, corse, sorrisi e pianti 

Il programma è a cura di Maria Sandrelli con Alessandra Piscopo, Iris Basilicata, Priscilla Muscat, Alba Bartoli e Caterina Galloni. 

I prossimi appuntamenti sono: casa circondariale di Latina 3 o

Categorie: RSS Tuscia

''La mia vita: momenti di poesia'', ecco la raccolta di liriche di Scala

Mer, 16/10/2019 - 16:16
2019-10-16

VITERBO - 'La mia vita: momenti di poesia' è il titolo della raccolta di liriche di Alberto Scala che sarà presentata sabato prossimo, alle ore 18, presso la nuova edicola-libreria Cose Preziose di Canepina (piazzale Caduti e Dispersi della Seconda Guerra Mondiale 24).

Il volume, edito da Marco Del Bucchia Editore, raccoglie le poesie di Alberto Scala che scandiscono i momenti più significativi della sua vita, sia felici sia dolorosi. Una vita trascorsa tra la Calabria, Roma e, da alcuni lustri, a Canepina, nel viterbese.

L'autore, come scrive Graziana Migliaccio nella nota introduttiva, con la stessa maestria con cui ha creato abiti - ha diretto a lungo la sua sartoria a Roma - usa le parole 'come tessuti da intrecciare, sovrapporre e mescolare per creare combinazioni inedite e intense'.

Nato a San Vito sullo Jonio, Alberto Scala ha esercitato il mestiere di sarto a Roma per oltre trent'anni. Amante delle lettura (in particolare dei saggi), si è appassionato prima alla psicologia e poi alla filosofia. Autodidatta, dopo aver tenuto una conversazione pubblica per la Società Filosofica Italiana gli è stato chiesto di entrare a farne parte come cultore della materia. Nel 2015, per i tipi di Marco Del Bucchia, è uscito 'Viaggio nell'anima', l'esordio letterario di Alberto Scala.

Nel corso dell'iniziativa, patrocinata dal Comune e dalla Pro Loco di Canepina, alcune poesie di Alberto Scala saranno declamate da Margherita Ciula e Sofia Barbanti. Il maestro Marco Corsi eseguirà alla chitarra alcuni brani 'ispirati' dai versi di Alberto Scala. Le relazioni introduttive saranno tenute da Pina Palozzi e Beniamino Mechelli. Presiede Manuela Benedetti, vice sindaco di Canepina.

Categorie: RSS Tuscia

Spaccio di droga a minorenni, arrestati

Mer, 16/10/2019 - 13:15
2019-10-16

VITERBO - Spacciavano droga ai minorenni, presi.

I carabinieri della stazione di Tarquinia, al termine di indagini speditive, hanno denunciato due ragazzi del luogo, seppure uno di origini rumene, entrambi appena maggiorenni, perché ritenuti colpevoli di avere spacciato droga tipo hashish, a due giovanissimi minorenni di Tarquinia di 16 e 14 anni.

Durante l’azione investigativa i due spacciatori sono stati bloccati per avere ceduto 2 grammi di droga; sono successivamente stati condotti in caserma, generalizzati e nei loro confronti è stata formalizzata la denuncia detenzione ai fini di spaccio in concorso, e informata la procura della Repubblica di Civitavecchia.

Categorie: RSS Tuscia