Aggregatore di feed

Fdi Viterbo, Grancini nominato portavoce e Buzzi coordinatore

News da Ontuscia.it - Gio, 20/01/2022 - 10:00

Nel circolo FDI di Viterbo Gianluca Grancini è stato nominato portavoce e Luigi Maria Buzzi coordinatore.

Due ruoli di importanza fondamentale affidati a due figure di grande esperienza, che nel partito hanno sempre portato avanti con impegno e determinazione gli incarichi ricoperti, da ultimo, rispettivamente, quello di consigliere provinciale e capogruppo al consiglio comunale di Viterbo.
I miei ringraziamenti ai predecessori Nunzi e Lentini ed i miei migliori auguri di buon lavoro ai neo eletti, soprattutto in questo delicato momento di preparazione alle prossime elezioni amministrative.

Continua la lettura di "Fdi Viterbo, Grancini nominato portavoce e Buzzi coordinatore" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia

Tutto pronto per l’open days dell’I.I.S.S. “Vincenzo Cardarelli” di Tarquinia

News da Ontuscia.it - Gio, 20/01/2022 - 09:54

“Se ascolto dimentico, se guardo capisco, se faccio imparo”. Chi non ha mai sentito questa famosa massima attribuita a Confucio? Spesso la si cita per descrivere come insegnare ai bambini della scuola primaria o dell’infanzia, ma in realtà le parole del saggio cinese non pongono limiti d’età. In realtà, infatti, funzionano bene a tre anni come a diciassette, a nove come a ottantadue. Sì, perché l’aforisma rivela la formula stessa di ogni apprendimento di successo, che quindi non può essere soltanto mnemonico e passivo, ma personale, vivace e applicativo.

Continua la lettura di "Tutto pronto per l’open days dell’I.I.S.S. “Vincenzo Cardarelli” di Tarquinia" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia

Rinnovabili e consumo di suolo, sos di Ciambella a Scolamiero

News da viterbonews24.it - Gio, 20/01/2022 - 09:42
2022-01-20

VITERBO - ''Oltre 500 ettari di terreni agricoli intorno a Viterbo 'convertiti' a fotovoltaico – dice Luisa Ciambella -. Viterbo, famosa nel mondo per le sue mura medievali, cinta da una distesa di panelli di silicio: questo lo scenario che si va delineando. E’ da mesi che intervengo segnalando alle istituzioni locali (Comune, Provincia e Regione) i rischi e i pericoli che corre un territorio a vocazione turistica e agricola come il nostro rispetto al continuo rilascio di nuove autorizzazioni per le rinnovabili industriali. Invano''.

L’ex consigliere comunale torna alla carica sulla questione delle rinnovabili e invoca l’intervento del commissario. ''Certa di trovare interlocutore sensibile e attento, ho scritto ora una lettera al commissario prefettizio Antonella Scolamiero, di recente insediatasi al Comune di Viterbo, per chiederle un incontro e sottoporre alla sua attenzione i procedimenti relativi a quattro impianti fotovoltaici in arrivo nel nostro territorio comunale. Ve li elenco: un impianto di 135,46 ettari tra Grotte Santo Stefano e Celleno; un impianto di 70 ettari in via Camorelle, verso Castel d’Asso; un impianto di 66,2 ettari tra Viterbo e Montefiascone (località Spessa e Pozzitella); un impianto di 10 vicino al carcere di Mammagialla. Progetti che se saranno autorizzati andranno a sommarsi a quelli già approvati nel corso degli ultimi due anni: 101 ettari in località Cipollaretta; 73 ettari in località Rinaldone; 17,5 ettari in località Petrignella; 8,53 ettari in località San Cataldo e 93 ettari a Pian di Giorgio, l’impianto nei pressi di Ferento, per intenderci''.

Per gli iter di alcuni dei nuovi impianti si avvicinano scadenze importanti: il 21 gennaio è previsto il tavolo tecnico sull’impianto tra Grotte e Celleno, mentre il 28 gennaio si svolgerà la prima seduta della conferenza dei servizi per l’impianto di Spessa e Pozzitella.

''La dottoressa Scolamiero conosce benissimo la nostra provincia, con le sue bellezze – continua Ciambella -. Ma rispetto agli anni in cui è stata prefetto, seppur recenti, il nostro territorio ha vissuto una trasformazione epocale a causa della concentrazione senza eguali di impianti Fer (Fonte energia rinnovabile). Una transizione ecologica al contrario, come dimostrano i rapporti Ispra-Snpa che vedono la Tuscia tra le prime province d’Italia per consumo di suolo (mentre l’Europa ci chiede di azzerarlo entro il 2050, data anticipata dal ministro della Transizione energetica al 2030). Senza tenere conto che la Tuscia ha addirittura superato gli obiettivi di produzione di energia da fonti rinnovabili previsti dal Pniec (Piano nazionale integrato per l’energia e clima). Una situazione sfuggita di mano al Comune di Viterbo, come dichiarato dallo stesso ex assessore all’Urbanistica. Per questo ad aprile scorso il Consiglio comunale aveva approvato un ordine del giorno da me proposto che impegnava la giunta a realizzare un 'piano regolatore' delle rinnovabili. Piano che doveva essere presentato entro tre mesi, e che magari avrebbe potuto impedire di autorizzare un impianto di quasi cento ettari vicino Ferento, seppure in area priva di vincoli. Ma della sua stesura a dicembre ancora non si sapeva nulla''.

''Alla dottoressa Scolamiero – conclude Ciambella - ho chiesto di prendere in mano la questione relativa alle rinnovabili, dando impulso agli uffici affinché in tempi brevi venga ultimato il piano regolatore. Ho evidenziato inoltre la necessità che nel formulare i propri pareri rispetto ai nuovi progetti il Comune di Viterbo tenga conto dell’effetto cumulativo con tutti gli altri impianti già autorizzati. Non si possono continuare a sacrificare centinaia di ettari di terreni agricoli, dicendo che gli enti locali hanno le armi spuntate. Non è così. E infine, la richiesta al commissario di farsi portavoce presso la Provincia per l’istituzione di un tavolo permanente sulle rinnovabili industriali, aperto ad associazioni, cittadini, comuni e società proponenti''.

Categorie: RSS Tuscia

Ferrovia Roma Nord, Zingaretti: ''In arrivo 6 nuovi treni''

News da viterbonews24.it - Gio, 20/01/2022 - 09:42
2022-01-20

VITERBO – Il presidente della Regione Nicola Zingaretti ha annunciato ieri l’arrivo di 11 nuovi treni per le ferrovie ex concesse ''cinque per la ferrovia Roma-Lido e sei per il tratto urbano della Roma-Viterbo, per rilanciare due tratte importanti per il trasporto pubblico della Capitale''. Esclusa sembrerebbe quindi la tratta extraurbana o alta del tracciato della ferrovia Roma Nord, quella che attraversa la Tuscia, da Catalano alla Città dei Papi.

I nuovi treni dovrebbero comunque alleviare le pene quotidiane degli utenti della Roma Nord, linea che in tempi recenti tra ritardi e cancellazioni si è aggiudicata il Trofeo Caronte come peggiore ferrovia regionale.

''La decisione – ha aggiunto Zingaretti sui nuovi treni - fa parte del processo di passaggio delle due linee dal Comune di Roma all’amministrazione regionale, con Cotral e Astral. Con l’impegno dei primi 100 milioni di euro, arriveranno sulla nuova linea Metromare per Ostia cinque nuovi treni, mentre sei saranno destinati alla Roma- Viterbo. Ora avanti con la massima velocità sulla rigenerazione dei vecchi treni e con i lavori sull’infrastruttura''.

A stretto giro di posta è arrivato anche il commento del Comitato pendolari della Ferrovia Roma Nord, che come San Tommaso se non vede non crede: ''Prosegue la 'sindrome da annunciazione' da parte della Regione Lazio. Questi treni sono a piano dal 2018, ma arriveranno forse nel 2025, quindi sono (o meglio dovrebbero essere) già stati acquistati''.

Categorie: RSS Tuscia

Carenza di suore, chiude la scuola

News da viterbonews24.it - Gio, 20/01/2022 - 09:42
2022-01-20

BASSANO ROMANO - Dopo 147 anni dalla sua nascita chiude l'Istituto del Divino Amore.

Queste le dichiarazioni rilasciate dal primo cittadino: “E’ arrivata l’ufficialità, la ragione che ci è stata comunicata è la carenza di suore. Non vi è infatti il numero minimo di 3 religiose per la costituzione di una comunità; ne sono presenti solo 2 e non vi sono disponibilità in eccedenza nemmeno nelle altre sedi facenti capo allo stesso Istituto”.

“ Come Amministrazione comunale, abbiamo dialogato a lungo con la Madre Generale, cortese e disponibile, ascoltandone le ragioni e verificando la percorribilità di ogni tipo di soluzione che permettesse la continuazione delle attività”, nulla è stato lasciato intentato, fa sapere Maggi, “ abbiamo ragionato di tutto questo anche recentemente in un lungo incontro con una delegazione dell'Istituto, alla presenza della Madre Generale, a cui ho partecipato personalmente insieme al parroco Don Vianey, anche lui molto attento alla problematica, provando fino all'ultimo a trovare spiragli e possibili soluzioni”.

Ci sono però delle situazioni oggettive alle quali un sindaco non può, nonostante la buona volontà, porre rimedio, una di queste è senz’altro la carenza numerica delle suore.

“ Abbiamo pertanto chiesto la disponibilità a collaborare per intavolare dei progetti affinché lo stabile rimanga inserito nel tessuto della collettività, promuovendo attività di carattere sociale di cui il paese ha bisogno. Su questo, è stata fornita piena disponibilità”, prosegue Maggi.

Facendosi interprete del sentimento dei suoi cittadini: “Salutiamo con la tristezza nel cuore un Istituto storico, che ha avuto la responsabilità e la capacità di occuparsi del primo passaggio formativo di migliaia di bambini e bambine, da 147 anni. Grazie a tutte le suore che con amore e dedizione sono sempre state una colonna importantissima per il paese, le tante maestre e le lavoratrici a vario titolo che si sono succedute negli anni”.

Non manca poi di esprimere un pensiero personale: “ All'interno di questa struttura lego anche i miei primi personali ricordi, fatti di amore e di prime esperienze di socialità e condivisione”.

“ Con la collaborazione di tutti, come comunità sapremo sicuramente animare quello spazio con nuove attività e sperimenteremo nuove forme per stare insieme, continuando a far sì che possa comunque restare un luogo di crescita, di educazione e di accoglienza. Come sempre è stato, lo sarà ancora “, dichiara infine il Sindaco.

Categorie: RSS Tuscia

‘Can Yaman è stato un ospite veramente speciale’

News da viterbonews24.it - Gio, 20/01/2022 - 09:42
2022-01-20

CIVITA CASTELLANA -  Si sono appena concluse a Civita Castellana le riprese televisive della serie tv 'Viola come il mare' che vede protagonisti il gettonatissimo attore turco Can Yaman e l'ex Miss Italia Francesca Chillemi. Per tre giorni la piazza principale del paese ed alcune vie adiacenti sono state adibite a set televisivo contribuendo così a far conoscere al grande pubblico le bellezze e le peculiarità della città della ceramica. Tre giorni intensi che hanno visto impegnati gli attori e tutto il set televisivo già dalle prime luci del mattino, per il trucco, fino a tarda sera per le riprese. Al termine della giornata, anzichè ripartire verso la capitale, i giovani attori insieme ai loro assistenti hanno preferito alloggiare in una struttura ricettiva della città, la Residenza Palazzo Fortuna, dove ad accoglierli c'era la proprietaria Clara Bruzziches.

'Posso dire che nella nostra struttura - afferma con entusiasmo la Bruzziches - gli attori e lo staff si sono trovati estremamente bene, perchè il nostro palazzo, con solo sei camere, garantisce pace e riservatezza'.

'Gli ospiti sono arrivati lunedì sera e hanno pernottato per tre notti, cenando all'interno del nostro ristorante e gustando i nostri piatti tradizionali'.

Pare che Can Yaman abbia particolarmente gradito l'amatriciana con i carciofi e la vellutata. Notoriamente attento alla linea, l'idolo del momento ha preferito una colazione light con yogurt, caffè e frutta fresca, come sua abitudine.
'Per il resto - ha annunciato la proprietaria - posso dire che è stato un ospite disponibile e alla mano; la fama e la popolarità che ha raggiunto lo hanno comunque reso, almeno ai miei occhi, una persona umile e dai gesti semplici'.

Niente colpi di testa né atteggiamenti indisponenti, dunque, come qualcuno ha commentato sui social.

Can ha alloggiato nella camera Luxury dei Borgia, con camino, vasca idromassaggio e affaccio sulla Cattedrale di Santa Maria Maggiore, mentre all'attrice Francesca Chillemi è stata riservata la camera Dei Cosmati, in stile contemporaneo e comfort di lusso.

'Quando si è sparsa la voce della loro presenza qui - ha proseguito la proprietaria - un gruppo di fan si è appostata fuori all'albergo nella speranza di poterlo vedere almeno per pochi minuti. Più fortunata è stata invece una coppia di turisti che si è ritrovata casualmente nel nostro ristorante proprio mentre la troupe era a cena e ha potuto godere indisturbata della presenza dei due famosi attori'.

Riguardo invece la possibilità di ulteriori riprese nella cittadina falisca, la troupe non si è sbilanciata. “Non so se sono previste ancora delle riprese qui a Civita Castellana - ha concluso la Bruzziches -. Noi avremo comunque piacere di accoglierli nella nostra residenza, anche perchè tutta la produzione è rimasta soddisfatta non solo del nostro servizio, ma anche dell'accoglienza di tutta la città'.

Categorie: RSS Tuscia

Trasporti, ancora disservizi nella tratta Orte-Roma

News da Ontuscia.it - Gio, 20/01/2022 - 08:54

Vogliamo porre alla vostra attenzione quanto accaduto questa mattina, 19 gennaio 2022, ad alcuni treni che collegano la stazione di Orte con Roma, tutti programmati in Linea Direttissima ed indispensabili ad un collegamento veloce tra le zone dell’alto Lazio e della bassa Umbria e Roma.

Questo in sintesi quanto accaduto in partenza da Orte:

il treno RV 4256 delle 7:17 e il RV 4097 delle 7:28 sono stati instradati in linea convenzionale per problemi non meglio specificati in Direttissima.

Continua la lettura di "Trasporti, ancora disservizi nella tratta Orte-Roma" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia

L’Istituto “Vincenzo Cardarelli” di Tarquinia apre le sue porte per l’ultimo open day

News da Ontuscia.it - Gio, 20/01/2022 - 08:50

TARQUINIA – L’Istituto “Vincenzo Cardarelli” di Tarquinia apre le sue porte per l’ultimo open day , che si terrà il 22 gennaio 2022 dalle ore 10.30 alle 12.00 alla sede centrale e al Lido saranno disponibili laboratori, workshop e un aiuto per le iscrizioni: la segreteria infatti sarà aperta il giorno 20 dalla mattina fino alle ore 15.00, venerdì fino alle ore 16.00 e sabato mattina.

Continua la lettura di "L’Istituto “Vincenzo Cardarelli” di Tarquinia apre le sue porte per l’ultimo open day" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia

STELLE AL TRAMONTO

News da Ontuscia.it - Gio, 20/01/2022 - 07:05

La dea Nemesi, figlia di Zeus, nella mitologia greca si occupava di mettere le cose a posto per i delitti irrisolti o impuniti, distribuendo e irrogando gioia o dolore a seconda di quanto era giusto, perseguitando soprattutto i malvagi e gli ingrati al Fato.

Insomma un mix di giustizia e vendetta che non doveva far dormire sonni tranquilli a chi aveva la coscienza poco pulita, a chi aveva approfittato delle debolezze altrui, a chi aveva usufruito immeritatamente di vantaggi e privilegi, mestando su sentimenti ed emozioni.

Continua la lettura di "STELLE AL TRAMONTO" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia

ITT Leonardo da Vinci. L’innovazione didattica per l’anno scolastico 2022-2023

News da Ontuscia.it - Mer, 19/01/2022 - 21:52

In questi giorni i ragazzi delle scuole secondarie di primo grado e le loro famiglie analizzano l’offerta formativa dei vari Istituti di secondo grado alla ricerca di un piano educativo che concili l’esigenza di studiare ciò per cui ci si sente più portati con l’esigenza, non certo meno importante, di un più probabile sbocco lavorativo.

Si tratta di una decisione impegnativa che va presa entro il 28 gennaio e che richiede riflessione e indagine accurata riguardo gli interessi del ragazzo nonché la sua possibile proiezione in un futuro che è meno lontano di quanto si immagini.

Continua la lettura di "ITT Leonardo da Vinci. L’innovazione didattica per l’anno scolastico 2022-2023" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia

Rapcalling accende un riflettore sulla musica rap viterbese

News da Ontuscia.it - Mer, 19/01/2022 - 21:48

Nonostante «manchino dei luoghi di aggregazione per i ragazzi che vivono la cultura hip hop», un movimento giovanile pieno d’intraprendenza ha creato un movimento di diffusione di musica rap, fondato da Dario Ubaldini

La cultura di una città, nel caso specifico di Viterbo, è anche e soprattutto quella giovanile; la peculiarità distintiva di questa cultura, rispetto ad altre meno variegate, è la gran quantità di sfaccettature che essa assume e la sua perpetua creazione, forse per via di un coraggio e di un’intraprendenza che nell’universo del pragmatico d’ogni giorno vengono cancellati, o dimenticati.

Continua la lettura di "Rapcalling accende un riflettore sulla musica rap viterbese" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia

'Asparago verde di Canino, ultimo miglio per riconoscimento IGP'

News da viterbonews24.it - Mer, 19/01/2022 - 18:29
2022-01-19

Questa mattina il Mipaaf ha inoltrato la richiesta di integrazione documentale alla Società Agricola C.O.P.A., Cooperativa Ortofrutticola Produttori Associati, in qualità di presentatrice della richiesta di riconoscimento IGP per l'Asparago verde di Canino. Lo rende noto il Senatore Francesco Battistoni, sottosegretario al Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.

'La pratica dell'asparago verde di Canino ha tutti i requisiti per essere accolta poiché la relazione fornita è molto dettagliata e veritiera – spiega Battistoni –. Una volta presentate le integrazioni richieste dagli uffici ministeriali, la documentazione potrà essere portata all'approvazione ed inoltrata in Europa per il definitivo accoglimento del riconoscimento IGP. Posso affermare che siamo all'ultimo miglio'

'Si tratta di un percorso importante per questo prodotto della Tuscia, che vanta una storia acclarata ed una tradizione orticola importante. Alla fine di questo iter la mia convinzione è che potranno nascere nuove opportunità commerciali, nel rispetto di un disciplinare rigido che punta sia sulla protezione del nome ma anche sulla qualità del prodotto' conclude Battistoni.

 

Uff. Stampa

Sen. Francesco Battistoni

Categorie: RSS Tuscia

Approvata la legge sulla tutela delle botteghe storiche

News da viterbonews24.it - Mer, 19/01/2022 - 18:29
2022-01-19

Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato, con 29 voti favorevoli e 9 astenuti, la proposta di legge sulla 'Disciplina per la tutela e la valorizzazione delle botteghe e attività storiche.

 

'Un provvedimento importante che tutela le attività più antiche e preziose del nostro panorama commerciale, ma che non si limita a tutelare l'attuale, lavorando anche per garantire il loro futuro'. Così l'assessore regionale allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Università, Ricerca, Start-Up e Innovazione, Paolo Orneli.

 

'Il provvedimento – ha sottolineato Orneli - vuole promuovere e valorizzare le produzioni, le conoscenze e le pratiche di eccellenza, tutelando i mestieri a rischio di estinzione. Con una dotazione finanziaria complessiva di 2,4 milioni di euro, vengono destinati sostegni agli esercizi delle antiche botteghe e delle attività storiche. Previste inoltre attività di formazione rivolte ai giovani aspiranti artigiani che intendono investire il proprio futuro su questo settore.

 

'Voglio ringraziare – ha concluso Orneli – la consigliera Marta Leonori, prima firmataria della legge, e tutto il Consiglio Regionale per il lavoro svolto che ci ha portati ad approvare un provvedimento importantissimo per il rilancio dell'economia della nostra regione'.

Categorie: RSS Tuscia

Caro energia, il 49% degli oneri di sistema grava sulle micro e piccole imprese.

News da viterbonews24.it - Mer, 19/01/2022 - 18:29
2022-01-19


VITERBO - “L’impennata delle bollette riguarda l’intero mondo produttivo: non solo le imprese energivore, ma anche e soprattutto le micro e piccole imprese, che sopportano la maggior parte degli oneri generali di sistema”. È quanto sottolinea CNA, che chiede al governo un approccio organico per affrontare il problema del caro energia, avviando un tavolo con tutte le componenti del sistema produttivo. “Senza coinvolgere le piccole imprese, le soluzioni sono destinate ad essere insufficienti e parziali”, afferma il presidente nazionale di CNA, Dario Costantini.

Le piccole imprese italiane e le imprese artigiane subiscono una distribuzione iniqua del sistema degli oneri generali, cui contribuiscono per il 49% (circa 4,7 miliardi di euro) e con i quali finanziano anche, paradossalmente, le agevolazioni rivolte alle aziende energivore. Ciò aggrava i “normali” costi energetici di un ulteriore 35%, mettendo le piccole imprese ai margini di un mercato in cui le imprese industriali hanno il vantaggio competitivo di pagare l’energia quattro volte di meno.

“E’ un problema che denunciamo da tempo e che nell’attuale contingenza sta compromettendo l’operatività delle attività di minore dimensione, con rilevanti rischi di sospensione per le più esposte. Il costo dell’energia ha raggiunto livelli davvero insostenibili, come gli imprenditori ci segnalano quotidianamente, e diventa indifferibile una riforma drastica della bolletta”, sottolinea Luigia Melaragni, segretaria della CNA di Viterbo e Civitavecchia.

Oltre a una riforma che garantisca una distribuzione più equa degli oneri generali di sistema tra le diverse categorie di utenti e legata all’effettivo consumo, serve, secondo la CNA, la revisione della disciplina delle agevolazioni alle imprese a forte consumo di energia, affinché i benefici siano limitati alle sole aziende che abbiano effettivamente realizzato interventi di efficienza energetica.

Infine, va osservato con attenzione il fenomeno delle cosiddette “rendite inframarginali”, che condiziona il peso dei costi energetici, producendo extramargini di guadagno per alcuni produttori. Si tratta di un meccanismo che crea inefficienze nel processo di formazione del prezzo di borsa e contribuisce ad aggravare ulteriormente un quadro già complesso.

Categorie: RSS Tuscia

Firmata una nuova ordinanza di non potabilità dell'acqua

News da viterbonews24.it - Mer, 19/01/2022 - 18:29
2022-01-19

CIVITA CASTELLANA - Riceviamo e pubblichiamo:

'Vista la nota prot. n. 4310 del 19.01.2022, dell’ASL Viterbo con cui la stessa ha comunicato l’esito delle analisi chimiche eseguite dall’ARPA LAZIO Sezione di Viterbo, dalle quali risulta il superamento per il parametro Arsenico dei limiti fissati dall’Allegato I del D.L.vo 31/01, nei punti di prelievo della Fontana Pubblica di Via XXII Settembre e P.za San Clemente.

 

IL SINDACO ORDINA

 

la non potabilità delle acque erogate dal pubblico acquedotto in

- Loc. Fabbrece,

- Via Nepesina,

- Loc. Fontana Quaiola,

- Loc. La Penna,

- Loc. Priati,

- Via Roma

e la totalità del centro storico compreso il locale ospedale “Andosilla”,

 

determinata dal superamento delle concentrazioni di arsenico. Fino a nuova disposizione nelle suddette zone l’utilizzo dell’acqua deve essere limitato ad usi in impianti tecnologici e per igiene domestica.'

Categorie: RSS Tuscia

Battistoni: “Asparago verde di Canino, ultimo miglio per riconoscimento IGP”

News da Ontuscia.it - Mer, 19/01/2022 - 16:13

Questa mattina il Mipaaf ha inoltrato la richiesta di integrazione documentale alla Società Agricola C.O.P.A., Cooperativa Ortofrutticola Produttori Associati, in qualità di presentatrice della richiesta di riconoscimento IGP per l’Asparago verde di Canino. Lo rende noto il Senatore Francesco Battistoni, sottosegretario al Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.
“La pratica dell’asparago verde di Canino ha tutti i requisiti per essere accolta poiché la relazione fornita è molto dettagliata e veritiera – spiega Battistoni –.

Continua la lettura di "Battistoni: “Asparago verde di Canino, ultimo miglio per riconoscimento IGP”" su "OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia"

Categorie: RSS Tuscia

Unindustria, al via uno studio di sostenibilità ambientale tra le aziende del Lazio

News da viterbonews24.it - Mer, 19/01/2022 - 15:25
2022-01-19


VITERBO - Le aziende del Lazio vogliono misurare la sostenibilità della loro produzione ed è per questo che Unindustria sta avviando in questi giorni un lavoro con cui si vuole acquisire una fotografia del sistema produttivo del Lazio proprio su tale tema, evidenziandone esigenze ed opportunità. Si tratta del primo rapporto sul tema della produzione sostenibile, che poi potrà essere replicato ogni anno per avere un quadro dettagliato per misurare lo stato di avanzamento delle imprese in questo ambito. Inoltre, con tale studio si vuole fornire alle Istituzioni uno strumento per calibrare al meglio le politiche industriali e gli incentivi per stimolare ulteriormente la produzione sostenibile.

Del resto, anche l'Europa, partendo dagli obiettivi dell'Agenda ONU 2030, ha reso la sostenibilità un pilastro delle sue politiche ed anche il programma straordinario Next Generation EU, per rispondere alla crisi Covid, ne fa un caposaldo per l'impostazione dei Piani Nazionali.

'Sappiamo bene come la transizione ecologica in atto sia una sfida di sistema che richiede a tutti di lavorare insieme ed ancora di più lo è in questo particolare periodo – dichiara Giovanni Turriziani, presidente del gruppo tecnico Green Economy di Unindustria – Per questo l'obiettivo primario del rapporto che abbiamo avviato e che verrà replicato ogni anno, è quello di misurare noi stessi sul tema della produzione sostenibile. Da qui ai prossimi anni, infatti, le imprese saranno chiamate ad un profondo cambiamento per rispondere ai nuovi bisogni della società, ma questo cambiamento deve essere affrontato ed accompagnato con la necessaria gradualità, per mantenere intatta la base industriale. Il questionario che abbiamo predisposto punta proprio a misurare come il sistema produttivo del Lazio si stia approcciando su questo argomento e misurare i progressi che riusciremo a fare, rispondendo sempre più a quanto l'Europa ci chiama a fare e confrontarci con tutti i soggetti interessati, quindi dalle istituzioni alla società'.

 

Categorie: RSS Tuscia

Carenza medici di base, a Montalto troppi disagi per i cittadini

News da viterbonews24.it - Mer, 19/01/2022 - 15:25
2022-01-19



MONTALTO DI CASTRO - Lo scorso anno uno dei medici di base del comune di Montalto andava in pensione, di fatto gli assistiti, circa 1500, si trovarono di colpo a dover fare il cambio del medico in piena emergenza sanitaria a causa del covid 19, recandosi numerosi presso il CUP
.
Questa situazione causò assembramenti di cittadini e solo dietro mia segnalazione, l'assessore con delega alla Sanità Valentini integrò il personale all'ingresso dell'edificio per contingentare l'accesso.
Fino ad allora a Pescia Romana erano presenti due medici di base e a Montalto di Castro 4.
Con il pensionamento del primo medico di base in servizio non è stato assunto nessun nuovo medico, e gli assistiti sono stati riparti tra i medici presenti già oberati di lavoro. Tutto ciò ha creato ai cittadini molti
disservizi per l'elevato numero di pazienti in carico e il periodo legato al covid. I medici si sono divisi tra visite domiciliari, visite ambulatoriali, prescrizioni, certificati vari, vaccinazioni ecc ecc.

La storia continua, infatti alcuni giorni fa il Dottor Michelangelo Di Stefano ha ufficialmente cessato il servizio come medico nel nostro comune a seguito del pensionamento. L'arrivo del nuovo medico di base è
previsto purtroppo non prima del mese di marzo e questa situazione causerà ulteriori disagi per i cittadini in questo momento difficile dove l'assistenza sul territorio per quanto riguarda la medicina generale,
dovrebbe essere una priorità.

Il Comune di Montalto di Castro ha comunicato che i pazienti in carico al dott.Di Stefano potranno affidarsi (fino al 1° marzo), ad un altro medico che abbia disponibilità nell'ambito di tutti i paesi ricompresi nel distretto A (ex VT 2): Acquapendente, Canino, Tuscania ecc... Tra questi appunto anche i tre medici che sono presenti all'interno della struttura socio sanitaria sita a Villa Ilvana, che dovranno coprire il lavoro di cinque medici.

Beh complimenti per il risultato ottenuto con il dialogo costruttivo!!! Dunque questo servizio sarà sufficiente x tutte le necessità? ce lo auguriamo... in quanto l'essere curati e' un diritto...Vigileremo affinché il diritto alle cure e all'assistenza sia garantito.
Certo è che si sarebbe potuto programmare il subentro per tempo, in pensione non ci si va oggi per domani, evitando di lasciare molti cittadini senza assistenza, proprio ora con il dilagare dell'epidemia di
covid e l'indice di contagio altissimo del nostro paese. Pur essendo competenza della ASL l'amministrazione comunale avrebbe potuto fare di più? Certo!! L'assessore alla sanità avrebbe potuto esercitare maggiori pressioni perché fosse risolto prima il disservizio.
Ogni medico di base può avere un max di 1500 assistiti e I cittadini sono circa 9000 compresi i minori!
Alla fine a pagare il prezzo più alto sono sempre gli stessi: le persone più fragili e i malati. Avere la delega alla sanità per un consigliere comunale non è solo una spilla da appendere ma un dovere da portare avanti.
In questi ultimi due anni tante sarebbero state le iniziative da poter mettere in campo, alcune le abbiamo suggerite anche noi con il nostro gruppo civico. Purtroppo quando si è più preoccupati della carriera politica
che del proprio paese questi sono i risultati. Per noi Montalto e Pescia sono più importanti! L'assistenza sanitaria è un diritto di tutti, la tutela della salute è un dovere di tutte le istituzioni e gli organismi
competenti.  Nessuno escluso.

Daniela Scatolini
Presidente di Uniti per Cambiare

Categorie: RSS Tuscia

Ancora alto il numero dei nuovi positivi: oggi sono 802

News da viterbonews24.it - Mer, 19/01/2022 - 15:25
2022-01-19



VITERBO - 802 casi accertati di positività al COVID-19 sono stati comunicati, entro le ore 11, al Team operativo Coronavirus della Asl di Viterbo.


Gli ultimi referti di positività sono collegati a tamponi eseguiti su cittadini residenti o domiciliati nei seguenti comuni:
235 a Viterbo,
49 a Vetralla,
45 a Montefiascone,
42 a Fabrica di Roma,
36 a Vitorchiano,
29 a Tuscania,
24 a Civita Castellana,
21 a Sutri,
19 a Montalto di Castro,
19 a Tarquinia,
17 a Orte,
16 a Corchiano,
16 a Soriano nel Cimino,
15 a Ronciglione,
14 a Valentano,
13 a Marta,
13 a Vignanello,
11 ad Acquapendente,
11 a Nepi,
10 a Caprarola,
10 a Grotte di Castro,
9 a Capranica,
8 a Blera,
8 a San Lorenzo Nuovo,
7 a Faleria,
7 a Oriolo Romano,
7 a Vasanello,
6 a Calcata,
6 a Ischia di Castro,
6 a Monterosi,
5 a Bassano in Teverina,
5 a Bassano Romano,
5 a Bomarzo,
5 a Canepina,
5 a Carbognano,
4 a Bolsena,
4 a Gallese,
4 a Graffignano,
4 a Monte Romano,
4 a Vallerano,
3 a Bagnoregio,
3 a Barbarano Romano,
3 a Castiglione in Teverina,
3 a Piansano,
3 a Villa San Giovanni in Tuscia,
2 a Castel Sant'Elia,
2 a Lubriano,
1 a Canino,
1 a Capodimonte,
1 a Celleno,
1 a Cellere,
1 a Civitella d'Agliano,
1 a Gradoli,
1 a Onano,
1 a Proceno,
1 a Vejano.

 

Dei casi odierni, 1 cittadino è attualmente ricoverato presso l'ospedale Belcolle, 801 stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio.

 In totale, alle ore 11 di questa mattina, i casi di positività al COVID-19, residenti o domiciliati nella Tuscia, salgono a 33557.

 Oggi è stata comunicata ai soggetti istituzionalmente competenti la fine del periodo di isolamento o la negativizzazione dal COVID-19 di 596 pazienti residenti nei seguenti comuni: 141 a Viterbo, 46 a Civita Castellana, 43 a Tuscania, 36 a Montalto di Castro, 25 a Vetralla, 22 a Fabrica di Roma, 20 a Gallese, 19 a Ronciglione, 16 a Corchiano, 16 a Montefiascone, 16 a Soriano nel Cimino, 12 a Orte, 12 a Vallerano, 11 a Tarquinia, 11 a Vitorchiano, 10 a Bagnoregio, 10 a Canepina, 9 a Capranica, 9 a Caprarola, 9 a Nepi, 8 a Graffignano, 7 a Bassano Romano, 7 a Sutri, 5 ad Acquapendente, 5 a Marta, 5 a Monterosi, 5 a Onano, 5 a Oriolo Romano, 5 a Vignanello, 4 a Barbarano Romano, 4 a Blera, 4 a Bolsena, 4 a Canino, 4 a Vejano, 3 a Castel Sant'Elia, 3 a Ischia di Castro, 3 a Monte Romano, 3 a San Lorenzo Nuovo, 3 a Villa San Giovanni in Tuscia, 2 a Carbognano, 2 a Castiglione in Teverina, 2 a Grotte di Castro, 1 ad Arlena di Castro, 1 a Bomarzo, 1 a Calcata, 1 a Capodimonte, 1 a Gradoli, 1 a Latera, 1 a Proceno, 1 a Tessennano, 1 a Valentano, 1 a Vasanello.

 Al momento, delle persone refertate positive al Coronavirus, 33 sono attualmente ricoverate nel reparto di Malattie infettive, 6 presso la Terapia intensiva COVID, 12 presso Medicina COVID, 8923 stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio. Sale a 24092 il numero delle persone negativizzate, 491 sono le persone decedute. Dall'inizio dell'emergenza COVID, nella provincia di Viterbo sono stati effettuati 271430 tamponi, 1872 nelle ultime 24 ore. Ad oggi i cittadini che hanno concluso il periodo di isolamento domiciliare fiduciario sono 30485.

Categorie: RSS Tuscia

''Scuola di vela Mal di Mare, deve continuare l'attività''

News da viterbonews24.it - Mer, 19/01/2022 - 15:25
2022-01-19

MONTALTO DI CASTRO - ''L'attività della scuola di vela residenziale 'Mal di Mare' deve continuare a svolgere la propria attività, poiché è una risorsa fondamentale sia per i ragazzi sia per il territorio''. Lo dichiara il sindaco Sergio Caci sulla notizia che il camping a Pescia Romana in cui ospita da 26 anni l'associazione vorrebbe interrompere il rapporto a partire dal 2023.

''Il Comune in futuro continuerà senz'altro a concedere il permesso per svolgere l'attività sul tratto demaniale – aggiunge il primo cittadino – ma serve una struttura che possa poter alloggiare i ragazzi, anche quelli che convivono con la disabilità, durante il periodo estivo.

Ho fatto mio l'appello dell'associazione e mi attiverò per sensibilizzare anche le comunità locali, cittadini e imprese, al fine di contribuire al progetto. Auspico – conclude il sindaco Caci – che la sensibilità comune possa contribuire a far proseguire l'attività di vela dei ragazzi speciali di 'Mal di mare', per il bene loro e dello sport''.

Categorie: RSS Tuscia